Google e Facebook dominano il traffico mobile. La top ten delle property online in Italia (TABELLA)

La top ten delle property online in Italia, stilata sulla base delle rilevazioni di comScore di aprile, è dominata dalle multinazionali statunitensi di Internet. Al primo posto, Google che con i suoi numerosi servizi online raggiunge la quasi totalità degli utenti di Internet (il 98%), seguito da vicino da Facebook (91%).

Al terzo e quarto posto i due principali gruppi editoriali italiani, Mondadori e Gedi, con una reach del 74%, seguiti a ruota da altri due colossi statunitensi, Amazon (72%) e Microsoft (65%). Dalla settima alla nona posizione altri tre italiani: Italionline (65%), Rcs (63%) e Mediaset (62%). Chiude la top ten la statunitense Oath (62%), che fa capo al gruppo Verizon e che comprende Yahoo!, Tumblr, Aol e altri siti.

La prima parte della tabella è relativa ai visitatori unici mensili; la seconda ai visitatori nel giorno medio, suddivisi tra utenti desktop, che accedono da pc, e utenti mobile, che accedono da smartphone. Questi ultimi, come si vede, sono nettamente più numerosi rispetto ai primi.

Il predominio degli utenti mobile è particolarmente evidente nel caso delle grandi piattaforme internazionali, a cui si accede soprattutto tramite app, mentre sui siti degli editori si va molto più spesso via desktop e mobile web.

Non è una differenza di poco conto: le app sono infatti un mezzo potente per fidelizzare i visitatori. E infatti, come ha rivelato l’ultima ricerca dell’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano, gli italiani passano il 50% del loro tempo su mobile utilizzando i servizi di Google e Facebook.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Nel 2018 più di un’ora di tempo sarà spesa su video online. Previsioni Zenith: investimenti adv in crescita del 19%

Agcom, crisi editoria richiede ampia riflessione, in 10 anni perso metà del peso. Cardani: Sic vale 17,6 mld

Nel 2017 il 37% degli italiani ha piratato un contenuto audiovisivo. Dati Fapav: 617 milioni di incassi mancati