Il Post lancerà la formula dei contenuti pay. I lettori la vogliono senza pubblicità

Ci stanno lavorando da molti mesi, ed ora è quasi tutto pronto: una volta sistemati gli ultimi dettagli anche Il Post adotterà la formula dei contenuti premium a pagamento. Il nuovo sistema dovrebbe partire in luglio o al più tardi in settembre.

Luca Sofri

Nei suo otto anni di vita il quotidiano online fondato e diretto da Luca Sofri si è sempre basato sui contenuti gratuiti sostenuti dalla pubblicità. Ma è una formula che sta mostrando sempre più la coda, sia per il rallentamento della crescita della pubblicità online sia per la concorrenza della grandi piattaforme del web, come Google e Facebook, che drenano una quota sempre più grande dei ricavi pubblicitari.

Un trend che ha convinto molti editori, in tutto il mondo, ad abbandonare la formula del tutto gratis per passare ai contenuti online a pagamento. Il caso di scuola è quello del New York Times: nel 2017 gli abbonati all’edizione online sono stati più di 2.6 milioni e hanno garantito il 60% dei ricavi del giornale. L’esempio è stato seguito da diversi quotidiani e periodici italiani, come il Corriere della Sera, La Stampa, la Repubblica, il Foglio, L’Espresso e altri.

Nel caso del Post sono gli stessi lettori che in diverse occasioni hanno sollecitato il giornale online a lanciare una versione a pagamento priva di pubblicità. Ora stanno per essere accontentati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome