Fari puntati sulla riforma Ue del diritto d’autore che potrebbe rivoluzionare il web

“La riforma Ue sul copyright online potrebbe distruggere Internet per come lo conosciamo”. Un’ipotesi sulla quale invita a ragionare il Corriere.it, presentando i contenuti della norma sul copyright approvata stamane per 15 voti a 10 dal Legal Commitee del Parlamento Europeo. Tuttavia, ricorda l’edizione italiana di Tom’s Hardware, correzioni sono attese su input degli stakeholder prima che ad esprimersi siano il Parlamento Europeo in seduta plenaria e il Consiglio dei ministri dell’Unione.

Uno dei nodi più rilevanti sarà la cosiddetta link tax ovvero il balzello che potrebbe obbligare i motori di ricerca a remunerare editori e piattaforme per i link mostrati nei risultati e/o contenuti coperti da diritto d’autore.

CC0 Creative Commons

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Abodi (Credito Sportivo): pronti 2 miliardi da investire sulle infrastrutture sportive. Sarebbe folle non ottimizzarli

Domani sui giornali una pagina con l’articolo 21 della Costituzione. Editori e giornalisti uniti per informazione libera e pluralista

Mondadori verso cessione a Reworld della controllata francese. Primi nove mesi, risultato netto attività in continuità +15,8 mln