Netflix, il capo della comunicazione si licenzia per commenti razzisti

Condividi

Il capo della comunicazione di Netflix, Johathan Friedland, scivola sulla ‘N-word’, ‘nigger’, e lascia il colosso della tv in streaming.

Johathan Friedland e Reed Hastings (foto Newsnumber)
Johathan Friedland e Reed Hastings (foto Newsnumber)

Friedland – che ha annunciato la sua uscita da Netflix dopo sette anni – avrebbe usato la parola che rappresenta uno degli insulti peggiori d’America “in almeno due occasioni, mostrando un’inaccettabile scarsa consapevolezza razziale e sensibilità”, spiega l’amministratore delegato di Netflix, Reed Hasting, in una comunicazioni ai dipendenti riportata dai media americani.