Tim, Genish si scusa: dichiarazioni inappropriate sul board. Dal Cda confermato sostegno a obiettivi e manager

Condividi

A pochi giorni dalle frasi con cui aveva attaccato alcuni membri del Cda di Tim – definiti “molto indaffarati a diffondere congetture che minano la capacità di Tim di raggiungere i suoi obiettivi ambiziosi” -, l’amministratore delegato della telco, Amos Genish si è scusato con il board “per aver fatto delle dichiarazioni non appropriate”, successivamente “amplificate dalla stampa”.

Lo segnala una nota della telco, nella quale si segnala anche che il Consiglio ha confermato “l’unicità di visione e di obiettivi di tutti i suoi membri ed il sostegno al management”.

La sede di Tim a Rozzano (Milano) (Foto Ansa / Matteo Bazzi)

Durante la riunione è stato votato anche un ampliamento della compagine dei Comitati interni, portandone il numero dei componenti da 4 a 5 mediante nomina di Michele Valensise nel Comitato per il controllo e i rischi, di Marella Moretti nel Comitato parti correlate, di Giuseppina Capaldo nel Comitato per le nomine e la remunerazione. I consiglieri, segnala infine la nota, hanno approvato anche la modifica della procedura per le operazioni con parti correlate.