Giuffrè Editore e Memento Francis Lefebvre si uniscono in Giuffrè Francis Lefebvre

Perfezionata la fusione per incorporazione di Memento Francis Lefebvre in Giuffrè Editore, che cambia la sua ragione sociale in Giuffrè Francis Lefebvre. Lo annuncia una nota del gruppo editoriale nella quale si segnala che a seguito dell’operazione, Giuffrè Francis Lefebvre viene organizzata in due divisioni operative, Editoria e Formazione.

La fusione tra Memento e Giuffrè, si specifica, è la conseguenza dell’ingresso, nel novembre 2017, di Giuffrè Editore nel Gruppo Editions Lefebvre Sarrut (Els), multinazionale europea attiva nell’editoria professionale legale e fiscale. L’operazione annunciata oggi, spiega ancora nel dettaglio la nota, coinvolge anche le due società controllate al 100% da Giuffrè Editore, Infogiuridica e Giuffrè Informatica, e ha effetto retroattivo al 1 gennaio 2018.

Giuseppe De Gregori

“Questa fusione nasce dalla volontà di affiancare in maniera sempre più puntuale ed efficiente i professionisti in ogni fase del loro lavoro. Proseguiamo sulla strada dell’innovazione digitale e svilupperemo ulteriormente l’offerta con nuovi servizi e soluzioni integrate valorizzando i punti di forza e gli elementi che distinguono, in ambiti complementari, le eccellenze di Giuffrè e Memento”, ha commentato Giuseppe De Gregori, dal marzo del 2018 alla guida di Giuffrè Editore con la carica di direttore generale, anticipando le linee del piano industriale di crescita, che guarda al mercato delle imprese.

Per la nuova realtà previsti investimenti in linea con quelli del gruppo, che ogni anno investe in R&S il 10% del suo fatturato (circa 550 milioni di euro nel 2017).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali