Publicis: senza Italia meno donne guardano il mondiale in tv. Ma Russia 2018 piace ai giovani

I dati di ascolto del prime time di Russia 2018 “perfettamente allineati” con quelli di Russia 2014. Così un’analisi di Publicis Media Italy sui risultati in tv dei gironi delle ultime due edizioni dei Mondiali di Calcio. Inoltre, fa notare Publicis, “la mancata presenza della nazionale italiana al mondiale russo ha coinvolto un’audience più maschile, escludendo così parte del pubblico femminile che avrebbe tifato solo la nostra nazionale, e ha avvicinato le fasce d’età più giovani (20/34 anni)”. Ecco il testo dell’analisi:

Igor Akinfeev dopo la vittoria ai rigori sulla Spagna (Foto Ansa – EPA/MAHMOUD KHALED)

“Publicis Media Italy con la sua unit Research & Business Intelligence ha svolto un’analisi sui dati televisivi relativi alle fase a gironi dei mondiali di Russia 2018, conclusasi il 28 giugno, rispetto ai risultati dei mondiali brasiliani del 2014.

Mediaset, che per la prima volta nella storia si è aggiudica in esclusiva i diritti dei Mondiali di Russia 2018, ha trasmesso in chiaro tutte le partite: cinque su Canale 5, trentacinque su Italia 1 e otto su canale 20. Dei quarantotto match, quaranta sono state trasmessi in simulcast su Mediaset Extra con la telecronaca della Gialappa’s. Solo per la terza giornata dei gironi, Mediaset Extra ha trasmesso il diretta goal di quelle partite che, per regolamento, venivano giocate in contemporanea tra Italia 1 e canale 20.

Le quarantotto partite dell’evento sportivo dell’anno, partito il 14 giugno, hanno totalizzato 175 milioni di contatti lordi, +12% rispetto ai 156 milioni ottenuti nella prima fase dei mondiali giocati in Brasile nel 2014; quest’ultimo comprendeva, però, trentatré partite visibili ai soli abbonati SKY e soltanto quindici partite in chiaro su Rai 1 e Rai Sport (tre della nazionale italiana).

Analizzando le tre giornate dei gironi, l’audience più alto è stato conquistato dalle partite trasmesse dalla rete ammiraglia di Mediaset.

Nella prima giornata il match con il pubblico più ampio è stato Brasile-Svizzera, trasmesso domenica 17 giugno da Canale 5 alle 20:00, con il 36,3% di share e 7.461.000 di audience. Nella seconda, la partita più vista è stata quella del gruppo D Argentina-Croazia, trasmessa giovedì 21 Giugno alle ore 20:00 su Canale 5, con 7.288.000 di audience (34% di share).

La terza giornata ha eletto l’incontro Nigeria-Argentina, trasmesso alle 20.00 su Italia 1 e cruciale per la qualificazione della nazionale di Maradona, come il più seguito con 7.384.000 di spettatori e una share del 32,7%.

L’analisi di Publicis Media Italy si è focalizzata anche sul profilo dei telespettatori confrontando i Mondiali 2018 e 2014, per i quali sono stati considerati gli ascolti delle sole emittenti generaliste: Rai 1 con quindici partite per il mondiale svolto in Brasile e Canale 5/Italia 1 con quaranta match per quello in Russia. La mancata presenza della nazionale italiana al mondiale russo ha conseguentemente coinvolto un audience più maschile, escludendo così parte del pubblico femminile che avrebbe tifato solo la nostra nazionale, e ha avvicinato le fasce d’età più giovani (20/34 anni).

La unit Research & Business Intelligence ha poi approfondito l’analisi confrontando le partite trasmesse in prime time per il mondiale russo (14 match) e quello brasiliano (10 match). Il confronto è avvalorato dall’assenza della nazionale italiana nel 2014 in quanto presente solo in daytime (due volte alle 18.00 e una volta alle 24.00). Da questa comparazione il prime time del mondiale russo (4 match su Canale 5 e 10 match su Italia 1) presenta un’amr di 6.2 mln, -14% rispetto ai 7.2 mln di Brasile 2014. Limitando il confronto alle sole quattro partite trasmesse da Canale 5 si ottiene, però, un’audience di 7.2 Mio perfettamente allineata a quella dei dieci match di Rai 1 nel 2014 con ben tre punti di share in più a causa di un bacino televisivo in calo del -4% nel 2018 (periodo 14-28 giugno)”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Bonisoli (Mibac): aiuti alle librerie e agli attori della distribuzione

Eicma 2018: dati al rialzo per la presenza estera e +24% di afflusso di pubblico

Di Maio risponde su Facebook al flash mob dei giornalisti: presto incentivi agli editori puri ed equo compenso