Il Giornale d’Italia chiude, Storace lascia la direzione

“Cari lettori, con affetto incancellabile devo a ciascuno di voi un mio saluto fraterno.
Da ieri non sono piu’ il direttore del Giornale d’Italia, per volonta’ dell’editore Marco Matteoni, che lo ha deciso autonomamente, almeno spero…”. Lo annuncia Francesco Storace nell’ultimo editoriale apparso oggi sul Giornale d’Italia.

Francesco Storace (foto sito giornale d'Italia)

Francesco Storace (foto sito giornale d’Italia)

“A conclusione della mia attivita’, il nostro quotidiano, a quanto ho appreso dalla societa’ editrice, sospendera’ le sue pubblicazioni per ripensare la propria missione editoriale. Spero che si tratti di una chiusura temporanea per dare modo a chi mi succedera’ di saper raccogliere la preziosa eredita’ di questa testata – scrive Storace – Ovviamente non ne sono felice, anche se va dato atto a Matteoni di essersi impegnato per mandare avanti il giornale”. L’ex governatore del Lazio ringrazia “di cuore i colleghi che hanno resistito fino all’ultimo, anche senza compensi regolari e sono certo che nessuno adira’ vie legali, se non costretto”. Ai lettori “do’ appuntamento in altri luoghi, dalla rete a ovunque ci sara’ possibilita’ di pubblicare un’opinione. E’ stata un’esperienza fantastica, che non dimentichero’ mai – conclude Storace – Ma nella vita tutto ha un inizio e una fine. Basta saper ricominciare, forti della propria dignita’. Un abbraccio a tutti”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gedi: Perrore e Cir acquistano da Exor azioni di Giano Holding per partecipazione nell’editrice

Gedi: Perrore e Cir acquistano da Exor azioni di Giano Holding per partecipazione nell’editrice

Diritti tv: la Seria A sollecita Sky per il pagamento della rata di maggio, ma non oscura le partite

Diritti tv: la Seria A sollecita Sky per il pagamento della rata di maggio, ma non oscura le partite

Cresce in Italia l’attenzione sugli eSports. Ma anche il virtuale ha bisogno di tifosi live

Cresce in Italia l’attenzione sugli eSports. Ma anche il virtuale ha bisogno di tifosi live