Serie B, fumata nera per l’anticipo in chiaro del venerdì. Troppo basse le offerte Rai e Mediaset

Condividi

Ancora niente di fatto per la trasmissione in chiaro dell’anticipo del venerdì sera di Serie B. L’assemblea dei club cadetti ha deciso di non assegnare i diritti di fronte alle offerte di Rai e Mediaset, considerate troppo basse. Viale Mazzini avrebbe offerto circa 2,5 milioni, la metà di quanto avrebbe voluto incassare la Lega B come cifra minima. Cologno Monzese si sarebbe invece fermata ancora più in basso, a quota un milione.

Mauro Balata (foto ANSA/ETTORE FERRARI)

La Lega B, guidata dal presidente Mauro Balata, convinta che il prodotto abbia un valore decisamente superiore, ha deciso di riconvocare Rai e Mediaset lunedì prossimo per un nuovo giro di trattative.

Se le offerte non saliranno, la Serie B potrebbe decidere di non vendere i diritti in chiaro di questa partita. I diritti pay sono già stati acquistati da Perform insieme a tutto il resto del campionato per 22 milioni a stagione.

Sarebbe un peccato per gli appassionati: la trasmissione in chiaro in diretta di una partita di Serie B rappresenterebbe una novità assoluta nella programmazione televisiva del calcio italiano. In questo momento vengono trasmesse in chiaro in diretta partite di Serie C. In passato andava in onda in differita sulla Rai un tempo di una partita della giornata di Serie A.

Per andare incontro alla Rai, che realizza 90° minuto di Serie B nel tardo pomeriggio di sabato, la Lega cadetta sarebbe disposta a mantenere la maggioranza delle partite di ogni giornata il sabato pomeriggio. Ma adesso spera che la tv di Stato alzi la sua offerta per l’anticipo del venerdì sera.