Usigrai denuncia riduzione spazi informativi e attacca Freccero: si prepara a nuove occupazioni?

Nota dell’esecutivo Usigrai –  Un’erosione lenta, costante, continua. Questa è stata l’operazione silenziosa che ha portato ad una progressiva riduzione degli spazi informativi nelle Reti Rai, specialmente di quelli curati con competenza e preparazione dalle Testate Giornalistiche.

A tutto beneficio di appalti, produzioni esterne, società di produzione ed agenti.

Ridurre l’informazione significa ridurre il pluralismo dell’informazione e il diritto dei cittadini ad essere informati, significa contravvenire alla missione specifica del Servizio Pubblico che non può e non deve per l’ennesima volta essere sostituita da programmi preconfezionati all’esterno dell’azienda.

Carlo Freccero (foto Olycom)ccero

Per questo è inaccettabile l’attacco del consigliere uscente Freccero al Festival di Spoleto dove ha parlato di un “Tg2 esangue, da sostituire con un approfondimento da affidare a Paolo Mieli.

Nulla da dire sull’ottimo lavoro da sempre svolto da Paolo Mieli, qui il discorso è un altro. Il Tg2 è per storia e vocazione la testata d’approfondimento che, nonostante le numerose battaglie per evitarlo, ha visto negli ultimi anni tagli ed erosione dei propri spazi informativi nonché proprio le Rubriche più seguite ed identificative della testata, quelle di approfondimento, collocate in orari per insonni e nottambuli.

Dov’ era il Consigliere Freccero, tra i dirigenti alla guida dell’Azienda di questi anni, quando tutto questo accadeva – anche con il suo assenso- ai danni del Tg2 e dell’informazione rivolta ai cittadini? Perché parlarne ora con il CDA in imminente scadenza in tempi che hanno il sapore dello scaricabarile, delle ricollocazioni o , peggio, della preparazione del terreno a nuove occupazioni?

L’Esecutivo Usigrai

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fnsi-Usigrai-Odg: basta lottizzazione. Serve legge che liberi la Rai dai partiti

Upa e Nielsen mettono online lo storico degli investimenti adv in Italia dal 1962 a oggi

Crédit Agricole tifa Inter. Maioli a Spalletti: sponsorizziamo la Francia e vince i Mondiali, ora tocca a lei…