Google, in arrivo multa Ue per abuso di posizione dominante su cellulari Android

L’antitrust dell’Unione europea dovrebbe multare Google già la prossima settimana, con l’accusa di aver illegalmente abusato della sua posizione dominante con il sistema operativo per cellulari Android.

Sundar Pichai (Foto Ansa(Epa/Rajat Gupta)

Insieme alla multa multi-miliardaria, l’Ue dovrebbe ordinare ad Android di cambiare le sue pratiche di business, riporta Dow Jones. A dirlo sono fonti vicine al dossier. Il sospetto è che Google abbia bloccato potenziali competitor per salvaguardare il suo business della pubblicità su cellulare.

La multa, secondo l’agenzia, potrebbe superare i 2,4 miliardi di dollari. Una terza indagine formale su AdSense di Google è tuttora in corso.

Non è ancora chiaro quali saranno i rimedi che Bruxelles imporrà a Google. Potrebbe trattarsi di un cambiamento dei contratti che la società sigla con i produttori di cellulari che funzionano con sistema operativo Android.

Più nel dettaglio, prosegue Dow Jones, per l’antitrust Ue Google avrebbe “usato le maniere forti” con i produttori di cellulari, affinché installassero Google Search e il browser di internet Chrome sui loro dispositivi, vincolandoli al suo popolare negozio per app Play e, talvolta, pagandoli per installare Google in esclusiva.

L’Ue ha, inoltre, accusato Google di aver violato le regole sulla concorrenza, impedendo ai produttori di cellulari di vendere versioni ufficiali di Android, se questi mettono sul mercato anche device con versioni non ufficiali. Questi accordi, per l’Ue, dovrebbero cambiare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Aie, 2018 positivo per il mercato dei libri: +2% nel fatturato. Cresce del 9% la vendita di diritti all’estero

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Stati generali Transizione energetica: opportunità di crescita anche per l’Italia. Patuanelli propone ‘patto verde’ con imprese

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro

Addio a Paolo Bonaiuti. Fnsi: attento a pluralismo e ragioni lavoro