Approvata la graduatoria provvisoria dei contributi alle tv locali per 2016

E’ stata approvata la graduatoria provvisoria dei contributi alle Tv Locali commerciali di competenza dell’anno 2016. La graduatoria vede 166 ammessi che prevedono il possesso di un numero minimo di dipendenti. La posizione in graduatoria viene invece determinata dal punteggio realizzato da questi ultimi in base agli ascolti conseguiti e dagli investimenti tecnologici effettuati. Al primo posto Telenorba, al secondo Videolina, al terzo Telelombardia. Ai piedi del podio Canale 21.

Il Presidente dell’Associazione TV Locali e Vice Presidente di CRTV, Maurizio Giunco, esprime soddisfazione “poiché finalmente con la prima applicazione del DPR 146/2017 si supera l’erogazione a pioggia dei contributi previsti dalla legge 448/98 – già ampiamente contestata dalla Corte dei Conti – per premiare le aziende che svolgono un reale ed imprescindibile servizio informativo territoriale garantendo occupazione, consenso dei telespettatori e che abbiano effettuato i necessari investimenti verso un sistema multipiattaforma e multidevice.”

Maurizio Giunco (foto ANSA/GIORGIO ONORATI)

“Diamo atto – prosegue Giunco – del lungo e complesso lavoro svolto dal MISE e, in particolare, dalla DGSCERP, certamente non semplice in fase di prima applicazione del Regolamento, lavoro che ha comportato anche una articolata e lunga fase di accertamenti sulla regolarità formale delle domande e sulla veridicità delle dichiarazioni effettuate dai FSMA”.

“Stupisce – continua Giunco – invece l’alto numero dei collocati in graduatoria che, secondo i nostri studi, sarebbero dovuti essere inferiori. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che la norma prevede l’ammissione sulla base del numero minimo di dipendenti (correlato al numero degli abitanti serviti) all’atto di presentazione della domanda e non nell’anno di competenza dei contributi (2016)”.

“Ciò avrebbe potuto consentire ai i FSMA non in possesso di tale requisito di assumere il numero necessario di dipendenti all’atto di presentazione della domanda senza garanzie di continuità nel rapporto di dipendenza”.

“Fortunatamente il 95% dello stanziamento previsto, prosegue Giunco, come a suo tempo auspicato dall’Associazione TV Locali, viene destinato ai primi 100 FSMA utilmente collocati in graduatoria che rappresentano complessivamente nel settore delle Tv Locali ( l’82% degli occupati; l’ 83% dei ricavi e il 96% degli ascolti) , ed il restante 5% distribuito ai collocati dal 101 posto in poi, schema peraltro già previsto dalla disciplina previgente (legge 448/98), che destinava i 4/5 dello stanziamento al primo 37 % delle emittenti collocate in graduatoria”.

“Ora, – conclude Giunco – , si rende necessario prevedere una stabilizzazione delle misure di sostegno che non trovano copertura dall’anno 2019 per garantire il servizio di pubblica utilità svolto dalle emittenti locali a carattere informativo e proseguire nella strada di una maggiore selettività al fine di sostenere unicamente le aziende che svolgono un reale ed apprezzato servizio sul territorio” come anche espresso dal Ministro di Maio durante una recente intervista concessa ad un’emittente nostra associata che ha dichiarato: ” ci sono Tv che esistono solo per prendere contributi e poi ve ne sono altre che portano avanti un servizio di informazione” .

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Olimpiadi, Salvini: farò il possibile per portarle in Italia. Appendino: no di Torino perché manca chiarezza su chi finanzia

I sindacati europeo e internazionale dei giornalisti: inaccettabili gli attacchi del governo italiano ai media

Amazon, la Commissione europea indaga sull’utilizzo dei dati ecommerce