Nel 2018 più di un’ora di tempo sarà spesa su video online. Previsioni Zenith: investimenti adv in crescita del 19%

Nel 2018 i consumatori a livello globale guarderanno video online per una media di 67 minuti al giorno, 11 minuti in più rispetto all’anno precedente. Lo prevedono gli Online Video Forecasts di Zenith, report annuale dedicato all’online video adv, giunto alla quarta edizione, che, per il 2018 l’analisi si è focalizzata su 59 mercati chiave, considerando come ‘online video’ tutti i contenuti video accessibili tramite Internet, incluse piattaforme di proprietà di broadcaster (come Hulu), servizi di abbonamento Ott (come Netflix), siti di condivisione video (come YouTube), e i video visti sui social media.

Stando alle previsioni, entro il 2020 gli utenti trascorreranno in media 84 minuti al giorno guardando video online. La Cina registrerà la quota più alta in termini di tempo speso nel giorno con 105 minuti, seguita da Russia e UK (rispettivamente 102 e 101 minuti). Dati che non possono che spingere i brand a ripensare in modo profondo le proprie strategie di pianificazione sia televisiva che digitale.
Da qui al 2020 il consumo di video online aumenterà di 9 minuti all’anno andando a erodere il tempo speso sui mezzi tradizionali.
Nonostante la presenza di piattaforme non commerciali quali Amazon Prime e Netflix, molta parte del tempo dedicato al consumo di video online è appannaggio di piattaforme che prevedono pubblicità, con un conseguente ampliamento dell’audience commerciale.

Secondo Zenith gli investimenti in video online advertising sono cresciuti del +20% nel 2017, raggiungendo quota 27 miliardi di dollari. Nel 2014, ricorda lo studio, c’era stato un picco del 36%, ma in seguito il trend di crescita è progressivamente diminuito pur mantenendosi alto. Per il 2018 si prevede un +19%, a seguire la crescita media annua sarà del 17% fino al 2020, quando la spesa riservata al video online toccherà i 43 miliardi di dollari. Se gli investimenti in online video display advertising hanno rappresentato il 27% del totale spesa riservata al display nel 2017, nel 2020 arriveranno a coprire il 30%.

L’online video advertising, constata la ricerca, rispetto alla dimensione della pubblicità televisiva, rappresenta ancora solo una piccola parte che tuttavia è destinata ad aumentare dal momento che la
crescita annuale degli investimenti sulla tv è ferma tra lo 0 e il 2%. Nel 2015 il mercato della pubblicità video online ha rappresentato il 10% delle dimensioni del mercato pubblicitario tv, percentuale che nel 2017 ha raggiunto il 14% e nel 2020 sarà pari al 23%.

Video Online e TV sono tra loro complementari. Inizialmente, la maggior parte dei brand pianificava il video online per aumentare la copertura delle campagne televisive. In seguito alla rapida crescita della visione online, i brand pianificano sempre di più TV e video online in sinergia con l’obiettivo di ottimizzare la frequenza. Utilizzando in modo strategico i due mezzi e, in particolare, l’online video advertising per intercettare i light TV viewers, è possibile eliminare i problemi legati alla sovraesposizione o alla bassa esposizione del target di riferimento.
All’inizio il video online advertising ha imitato la pubblicità televisiva, utilizzando i video instream, con gli spot inseriti all’interno di altri contenuti video. Negli ultimi anni sono stati introdotti i video out-stream che sono video stand-alone che appaiono dentro un testo o un’immagine, oppure un social news feed. A livello globale, il formato out-stream sta rapidamente diventando dominante nell’online video advertising, grazie alla veloce adozione di video content e pubblicità da parte dei social media. In UK, ad esempio, nel 2017 la pubblicità in-stream è stata superata dall’out-stream, rappresentando quest’ultima il 56% degli investimenti in online video advertising.

“A livello globale il video online advertising sta guidando la crescita del consumo media, grazie agli smartphone dotati di connessione dati ad alta velocità che permettono alle persone di
guardare video in movimento, e alle Smart TV che offrono una scelta ampissima di contenuti disponibile nel salotto della propria casa”, ha spiegato Jonathan Barnard, head of forecasting e director of Global Intelligence in Zenith. “L’aumento così rapido nel consumo di video porta il video online a essere il formato pubblicitario con la crescita più dinamica, creando nuove opportunità strategiche e creative”, ha concluso.

LE STIME PER L’ITALIA
Guardando all’Italia, secondo le stime di Zenith, nel 2018 gli utenti guarderanno video online per una media di 192 minuti al mese, 19 minuti in più rispetto al 2017. Nel 2020 la quota di tempo speso mensile dedicato al video online sarà pari a 226 minuti. Una crescita trainata dal mobile dove si concentra la maggioranza del consumo di video online.

(elaborazione Zenith)

Sul fronte degli investimenti in online video advertising, includendo i video sui social network, per l’Italia è prevista una crescita del +27% nel 2018 vs 2017 e del +20% sia nel 2019 che
2020 vs i rispettivi anni precedenti.

(elaborazione Zenith)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Cambia la fruizione degli show tv: 6 su 10 fanno binge watching e per seguire le serie rinunciano a tutto

Ogni anno 21 milioni di atti di pirateria su sport live. Fapav: calcio e F1 gli eventi più seguiti

In quattro anni i primi sette editori di quotidiani hanno perso un milione di copie. Osservatorio Agcom