A Patrizia Carrarini da settembre la comunicazione di Am Investco Italy

A Palazzo Lombardia la notizia che sta passando di bocca in bocca e sorprende: Patrizia Carrarini, che guida dal 1° giugno 2013 (il presidente era Roberto Maroni) la comunicazione della Regione Lombardia, lascia la poltrona per diventare da metà settembre direttore della comunicazione di AM Investco Italy, la cordata che gestisce le acciaierie di Genova e Novi Ligure ed è in attesa di ratifica per l’acquisizione dell’Ilva di Taranto (il ministro Luigi Di Maio si è preso 45 giorni di tempo per riflettere e fino a settembre inoltrato lo stabilimento tarantino sarà gestito da commissari statali).

 

Patrizia Carrarini (foto Twitter)

Patrizia Carrarini (foto Twitter)

La società Am Investco Italy srl è detenuta dal gruppo ArcelorMittal, leader mondiale dell’acciaio, con oltre 50 miliardi di dollari di fatturato, nato dalla fusione (nel 2006) di Arcelor e Mittal Steel Company, con sede in Lussemburgo. Alla guida del colosso, come amministratore delegato, c’è il multimiliardario indiano Lakshmi Mittal.

Una posizione, quella che ricoprirà Patrizia Carrarini, strategica, per un’azienda che in Italia è sempre sotto i riflettori, dal destino incerto per le vicende politiche, sindacali e ambientali che (soprattutto in riferimento al sito industriale di Taranto) coinvolgono governi, sindacati e tutto il mondo della politica e delle relazioni industriali italiane. Carrarini, quarantenne nata a Roma, laureata in Scienze della Comunicazione, ha fama di essere una decisionista, che se mette a punto un programma lo porta avanti con la massima chiarezza e determinazione.

Prima dell’incarico in Regione Lombardia, Carrarini aveva fondato, a soli 26 anni, con Andrea Purgatorio, la società Pubblicomunicazione, che ha avuto clienti importanti come Iveco, il ministero della Salute, al Regione Lazio, lo Stato maggiore dell’Esercito italiano, per il quale la manager divenne tenente in congedo illimitato, ossia ufficiale della riserva selezionata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Nel 2018 uccisi 80 reporter. Rsf: violenze senza precedenti. Responsabilità da politici e social

Il Papa affida ad Andrea Tornielli la direzione editoriale del Dicastero per la Comunicazione. Andrea Monda direttore Osservatore Romano

Lani (Citynews): cara Gabanelli Internet ha aumentato i lettori. Pubblicità ai big digitali? L’industria editoriale ha le sue responsabilità