Fondo Dni: Google premia 9 idee italiane con 2,1 mln di euro. A Gruppo 24 Ore, Corriere e AdnKronos i finanziamenti maggiori

Condividi

Google ha annunciato i progetti vincitori del quinto round di finanziamenti del fondo pre l’innovazione Dni, l’iniziativa lanciata nel 2015 per gli editori, per supportare il giornalismo di alta qualità attraverso la tecnologia e l’innovazione.

Per la nuova edizione, sono stati 21,2 i milioni di euro assegnati a 98 progetti provenienti da 28 Paesi europei.  Tra questi sono in totale 9 le idee italiane premiate – di cui 3 di grandi dimensioni, 2 medi e 4 prototipi – per le quali sono stati messi a disposizione 2,1 milioni di euro in totale.

In tutto – spiega Google in un post a firma di Ludovic Blecher, capo del Fondo per l’Innovazione della Digital News Initiative – per il quinto round, sono stati proposti 820 progetti da 29 Paesi europei, inviati da startup e editori locali, editori tradizionali e online, emittenti radiofoniche e televisive, periodici d’informazione e riviste accademiche.

Dei 30 progetti di grandi dimensioni selezionati, spiega Blecher, “quasi la metà (14) sono frutto di collaborazioni tra editori, startup e realtà accademiche”, specificando che molti progetti si sono focalizzati su assistenti vocali e audio, sulla mobilità, senza dimenticare il machine learning.

Con le ultime assegnazioni sale dunque a 115,5 milioni di euro il totale dei finanziamenti versati da Google a partire dal 2015, per 559 vincitori in 30 Paesi.

Ecco i progetti italiani premiati:
ARIA – (ARticle Infographic Assistant) – Sicilian Communication Srl – Prototipo
ARIA è uno strumento per giornalisti che utilizza tecniche di Machine Learning per leggere e interpretare un articolo o un comunicato stampa al fine di creare automaticamente un’infografica. Il progetto è stato realizzato con il Dipartimento di Matematica e Informatica (DMI) dell’Università di Catania.

Istmo Paywall – Valerio Bassan – Prototipo
Istmo è un sistema di paywall che premia la fedeltà degli utenti e la loro interazione con i contenuti. L’obiettivo del progetto è quello di costruire uno strumento di monetizzazione facile da implementare
per riviste digitali indipendenti e pubblicazioni online di piccole dimensioni, contribuendo a promuovere un nuovo tipo di “economia dell’attenzione”.

TICI (Tracking Italian Conflict of Interest) – Fondazione openpolis – Prototipo
Tici è un’infrastruttura per analizzare e monitorare le concentrazioni del potere in Italia, riunendo in un unico posto dati su figure politiche e istituzioni, società ed entità economiche, così come amministrazioni pubbliche e dipendenti pubblici. Tre diversi livelli messi insieme creeranno una unica mappa che rappresenta il potere in Italia. Una mappa per tracciare i collegamenti di politici e funzionari con le imprese; che mette in luce i legami tra interessi economici e nomine politiche; i conflitti di interesse e molto altro.

Rassegne stampa personalizzate su assistenti virtuali e smart speaker – Good Morning Italia srl ​- Prototipo
Good Morning Italia sta sviluppando una piattaforma in grado di fornire rassegne stampa personalizzate tramite e-mail e app mobile. Questo progetto sta testando la realizzazione di una breve rassegna da offrire agli abbonati attraverso speaker intelligenti, raccogliendo feedback per migliorare la qualità del contenuto e, in generale, trovando modi innovativi per integrare gli strumenti smart integrati con gli assistenti virtuali in una dieta mediatica diversificata.

AI Anchor – Radio 24, Gruppo 24 Ore – Progetto di medie dimensioni
Il compito iniziale di AI Anchor sarà di generare podcast di notizie su richiesta per ciascun utente. Il progetto combina un grande sforzo editoriale per creare strumenti in grado di tradurre dati strutturati
in contenuto con l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale, attraverso un approccio trial-and-error nel campo
del text-to-speech. Al progetto, segnala una nota del Guppo 24 Ore, è stato assegnato un finanziamento da 239mila euro, avrà una durata di 12 mesi a partire dall’autunno 2018.

ALADIN – LA SICILIA – Domenico Sanfilippo Editore S.p.A. – Progetto di medie dimensioni
ALADIN è una rete neurale che analizza documenti multimediali del nostro archivio di giornali nella cloud, utilizzando algoritmi avanzati di Machine Learning. Una delle innovazioni di ALADIN sono le connessioni semantiche e la rilevanza storica delle notizie.

Royalty – Il Sole 24 Ore, Gruppo 24 Ore – [Progetto di grandi dimensioni]
Anche Royalty mira a creare un nuovo tipo di giornale digitale utilizzando il machine learning per implementare un approccio AI-first alla personalizzazione. Il Sole 24 ORE sta collaborando con Teorema Engineering a questa iniziativa, che vedrà i propri giornalisti lavorare insieme a sistemi di intelligenza artificiale per offrire agli utenti un servizio altamente personalizzato e dunque più di valore per i lettori. Il progetto, spiega una nota del Gruppo 24 Ore, ha ottenuto finanziamenti per 739mila euro. La sua durata sarà di 16 mesi a partire dall’autunno 2018.
Considerando anche AI Anchor, i progetti proposti dal gruppo editoriale, elaborati con il supporto di Area24 – content Innovation Lab del Gruppo con sede a New York, Roma e Milano che lavora in stretta sinergia con la Direzione Editoriale del Gruppo – hanno ottenuto fondi per 978mila euro.

News Juice – Adnkronos SpA – [Progetto di grandi dimensioni]
News Juice è un sistema di intelligenza artificiale e un motore semantico con un archivio di oltre 30 anni di notizie giornalisticamente verificate in grado di produrre, su richiesta, riepiloghi ordinati cronologicamente di eventi complessi – anche con l’ausilio di immagini. Il progetto è realizzato in collaborazione con EXPERT SYSTEM S.P.A. e Digital Video S.r.l.

Digital Edition su Smartphone – Corriere della Sera, RCS MediaGroup S.p.A – [Progetto di
grandi dimensioni]
Corriere Digital Edition utilizzerà il Machine Learning e la comprensione del linguaggio naturale per personalizzare il contenuto. L’app offrirà diversi modi di consumare notizie: e-paper, notizie in tempo
reale, sezioni personalizzabili dall’utente, il formato story timeline Newsgram e articoli audio.