L’Adige passa al gruppo Athesia di Bolzano. L’ad Ebner: non prevista fusione con ‘Il Trentino’

Condividi

Cambio di proprietà per ‘L’Adige’. Dopo oltre 35 anni, il quotidiano diretto da Pierangelo Giovanetti passa dalla famiglia dei Conti Gelmi di Caporiacco al gruppo Athesia di Bolzano, società editrice anche dei quotidiani ‘Trentino’ e ‘Alto Adige’. Il gruppo Athesia, spiega una nota, ha acquistato il 100% della Init Holding srl,che a sua volta tiene il 100% della Società Iniziative Editoriali Spa (‘L’Adige’), di Radio Dolomiti Srl e dell’Agenzia Media Alpi Pubblicità Srl.

Radio Dolomiti è la prima radio privata del Trentino, con una media di ascolto giornaliero di 35mila persone, mentre con quasi 22mila copie vendute ‘L’Adige’ è il quotidiano più letto del Trentino.

“Il Dolomiten e l’Adige hanno le stesse radici, entrambi sono nati dalla resistenza contro il fascismo e i nazionalsocialisti. Già in passato c’erano state forme di collaborazione. Adesso i due quotidiani fanno parte della stessa casa editrice e formano una base solida che è il presupposto per poter garantire anche in futuro un’ informazione di qualità nella Regione Trentino Alto Adige”, ha dichiarato Michl Ebner, ad del gruppo Athesia, precisando che per i quotidiani ‘L’Adige’ e ‘Trentino’, ora entrambi del gruppo Athesia, non è prevista la fusione e che “Rimaranno testate indipendenti con redazioni autonome”.

Sulla questione presa di posizione del sindacato giornalisti del Trentino Alto Adige che ha auspicato che il nuovo editore del quotidiano Adige e di Radio Dolomiti “continui ad avere a cuore la mission dello storico quotidiano di Trento e provincia e dell’emittente radiofonica e delle professionalità di giornalisti e poligrafici che vi lavorano”. Il sindacato regionale giornalisti ha espresso l’auspicio “che accanto alla salvaguardia dei livelli occupazionali venga mantenuto il pluralismo dell’informazione in questa terra specialissima che ha fatto dell’autogoverno la sua cifra distintiva”. Il sindacato regionale, d’intesa con la Fnsi, ha infine chiesto un incontro in tempi brevi unitamente al Cdr delle due testate “per potere discutere del futuro delle due redazioni”.

Intervenendo in una conferenza stampa Ebner in mattinata ha ribadito l’intenzione del gruppo Athesia di garantire l’autonomia della testata, salvaguardando anche i lavoratori. “Abbiamo promesso per iscritto ai conti Gelmi di Caporiacco che non ci saranno licenziamenti. Garantiamo anche l’autonomia della testata”, ha spiegato.

“Crediamo nella carta stampata e confidiamo nel suo valore”, ha aggiunto, sottolineando l’importanza di sinergie (nei settori back office, stampa e trasporto) per garantire un futuro ai quotidiani e la necessità di diversificazioni. L’editore ha anche evidenziato “il valore aggiunto” della regione per un settore che è in crisi da oltre dieci anni. Per quanto riguarda, invece, il pluralismo Ebner ha ribadito che le redazioni “continueranno a lavorare in autonomia”.