Marchionne, De Rita: è stato vero leader moderno. Non solo di Fca, ma del Paese

Condividi

“Marchionne ha fatto cose che nessuno ha visto. Ero stato a Melfi prima della costruzione dello stabilimento quando tutto era, per così dire, genuino, e ci sono tornato di recente. Il cambiamento è talmente enorme che uno non riesce neppure a capirlo, non dico concepirlo. E invece Marchionne l’ha concepito, come fa un grande leader moderno!”.

E’ il commento del fondatore del Censis, Giuseppe De Rita, all’annuncio della morte dell’amministratore delegato di Fca.

Giuseppe De Rita, presidente Censis (foto Olycom)

Per il sociologo, l’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles è stato, almeno apparentemente, tutto modestia, ma con una “grande elasticità mentale”, dote che scarseggia in Italia dopo l’eclissi della borghesia, fenomeno sul quale De Rita ha scritto un libro insieme al giornalista-scrittore Antonio Galdo.

“A una politica schiacciata sul presente, povera di autorevolezza e di passioni, corrispondono una societa’ impaurita, priva di slanci, e un’economia che non cresce e non innova, incapace – sottolineavano – di accendere il motore di un nuovo ciclo di sviluppo”. Ora è scomparso uno dei pochi che stava cercando di riaccendere quel motore.