Fico: non mi piace la legge sulle nomine Rai. Assoggetta comunque il servizio pubblico al governo

Condividi

“La legge dell’ex presidente del Consiglio, votata in Parlamento, è una legge che a me non piace. E’ una legge che assoggetta comunque la Rai al governo. Se l’Ad e il presidente lo scelgono il governo, al di là di qualsiasi governo, è un modo di legiferare che a me non piace”. Lo ha detto Roberto Fico, presidente della Camera.

Il presidente della Camera, Roberto Fico (Foto ANSA / ETTORE FERRARI)

“Non entro nel merito delle scelte del governo, dico solo che i meccanismi che portano alla scelta dei consiglieri di amministrazione non mi trovano d’accordo. Non e’ un problema di nomi, ma di metodo”, ha spiegato ancora ricordando di essersi opposto alla legge, proponendo un’alternativa “che dava un avviso di gara pubblico in capo all’Agcom, arrivavano i cv, si sceglieva una rosa e si faceva un percorso totalmente diverso”.

“Al di là del merito delle scelte è proprio il modo che indica la legge che a me non piace”, ha ribadito in conclusione.