Lagardère cede la propria quota di Marie Claire alla holding Prouvost

Il gruppo francese Lagardère vende la quota detenuta in Marie Claire. L’annuncio è arrivato durante la presentazione dei risultati semestrali del gruppo lo scorso giovedì. Ad acquisire la fetta del 42% detenuta dal gruppo guidato da Arnaud Lagardère è la Holding Evelyne Prouvost, già proprietaria del 58% di Marie Claire.

Arnaud Lagardere (Foto Ansa – EPA/IAN LANGSDON)

La cifra dovrebbe aggirarsi attorno a 14 milioni, ma, stando a quanto ha precisato lo stesso Lagardere, nell’accordo sarebbe stata inserita una clausola di earn out, in base alla quale la famiglia Prouvost dovrà pagare un risarcimento nel caso in cui venda il gruppo a una cifra superiore nei prossimi tre anni.

Lagardère ha annunciato anche di aver concluso la vendita delle sue attività radio in Repubblica Ceca, polonia, Slovacchia e Romania al gruppo Czech Media Invest per un totale di 73 milioni di euro. Sempre a Czech Media Invest sono poi andati i giornali francesi Elle, incluso il sito web Elle en France, Version Femina, Art and Decoration, Télé 7 Jours, France Dimanche, Ici Paris e Public. Le cessioni dovrebbero essere finalizzate entro la fine del 2018.

Le cessioni si inseriscono nel progetto già annunciato nei mesi scorsi di concentrarsi sulla distribuzione nel settore dei trasporti e sull’editoria, progetto che comporta il disimpegno dal mondo media, con la sola eccezione dei giornali Paris Match e Journal du Dimanche, e di radio Europe 1.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente