Salone del Libro di Torino: affidata al Circolo dei Lettori l’organizzazione della prossima edizione

E’ affidata al Circolo dei Lettori – di cui ieri è stato nominato presidente Massimo Bray – l’organizzazione della prossima edizione del Salone del Libro. Lo prevede il Protocollo d’Intesa che sarà firmato da Città di Torino, Regione Piemonte e Fondazione Circolo dei Lettori.

L’obiettivo è quello di dare continuità alle attività e al patrimonio culturale costituito dalla buchmesse.

Massimo Bray (foto ANSA/CLAUDIO PERI)

Il protocollo – di cui questa mattina la Giunta comunale ha approvato lo schema -, oltre ad affidare l’organizzazione della manifestazione al Circolo del Lettori e a stanziare 2,1 milioni di euro per i prossimi tre anni, prevede la costituzione di un Comitato di indirizzo, di cui faranno parte un rappresentante di ciascuna delle parti.

Il Comitato dovrà coinvolgere i rappresentanti della filiera del libro, l’Associazione degli editori indipendenti (ADEI), l’Associazione italiana editori (AIE), l’Associazione italiana bibliotecari (AIB), l’Associazione librai italiani (ALI) e il Sindacato librai e cartolibrai (SIL).

Il coordinamento del comitato, che avrà tra le sue funzioni la definizione degli indirizzi e degli obiettivi delle iniziative oggetto del protocollo, è affidato al presidente del Circolo dei lettori.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti