Nomine Rai: dal Cda ok a maggioranza a Foa presidente

Il cda della Rai ha nominato a maggioranza Marcello Foa presidente della tv pubblica e Fabrizio Salini, amministratore delegato.Rita Borioni (Pd) ha votato contro la nomina di Foa alla presidenza, mentre Riccardo Laganà, consigliere eletto dai dipendenti della tv pubblica, si è astenuto. Al momento della votazione, riporta una nota Rai, Marcello Foa – che in quanto consigliere anziano ha presieduto il Cda – ha lasciato la Sala del Consiglio.

(foto Ansa)

“Ringrazio il CdA della Rai per la fiducia accordatami e attendo con rispetto il voto della Commissione Parlamentare di Vigilanza della Rai. Esprimo apprezzamento per il clima molto costruttivo della riunione odierna e sono davvero lieto di partecipare a un Consiglio composto da personalità così competenti e preparate”, ha dichiarato Foa. “Nel ricordare il mio percorso professionale ho ribadito il mio impegno a garantire l’autonomia dei giornalisti per un’informazione di servizio pubblico che sia autorevole, indipendente e autenticamente pluralista. La Rai è una risorsa per il Paese e non solo per l’informazione, risorsa che va onorata e difesa nell’interesse esclusivo dei cittadini. Le logiche della partitocrazia sono estranee ai miei valori e alla mia cultura che, invece, contemplano un solo impegno incrollabile: quello nei confronti di un giornalismo libero, trasparente e intellettualmente onesto, senza pregiudizi ideologici”.

Il primo agosto il voto in Commissione di Vigilanza che dovrebbe ratificare con la maggioranza dei due terzi la nomina di Foa. Un traguardo difficile da raggiungere se i membri di Forza Italia confermeranno il loro no, come ha appena dichiarato a Prima Comunicazione Giorgio Mulè, portavoce unico dei gruppi di Camera e Senato di Fi.

In caso di bocciatura, dice ancora Ansa, Forza Italia si attende un altro nome dal ministro del Tesoro Tria auspicando però un metodo più adeguato: il confronto prima di fare delle scelte che coinvolgono tutte le forze politiche e non solo una parte.

I commenti dei consiglieri di Viale Mazzini:
Riccardo Laganà:
“Mi sono astenuto perché il metodo con il quale sono stati nominati amministratore delegato e il presidente forse meritava un po’ di riflessione in più. Noi auspicavamo di avere un dibattito pubblico. Non è scritto nella legge però per un principio di trasparenza e per dare alla Rai un’ottima amministrazione, come merita, forse un dibattito pubblico intorno alla loro visione sarebbe stato opportuno. Non c’è stato, quindi io non posso giudicare solo da agenzia di stampa del presidente e dell’ad. Giudicheremo dagli atti a questo punto, da quello che faranno”. A proposito dei possibili ostacoli alla nomina di Marcello Foa in commissione di Vigilanza domani ha commentato: “Noi come dipendenti ci siamo tenuti proprio al di fuori dalla dinamica partitica, non politica, partitica perché vogliamo che la nostra azienda sia libera dai partiti. Il nostro voto di astensione è proprio per volare un po’ più alto da queste dinamiche”.

Gianpaolo Rossi:
“È andata bene, abbiamo nominato il presidente, i vertici sono pronti a lavorare per l’azienda e quindi speriamo che tutto vada come deve andare domani in Vigilanza”. A chi gli chiede se si sentirebbe pronto a prendere il posto di Foa nel caso non venga ratificato in Vigilanza, risponde: “io ho votato Foa con grande orgoglio e con grande soddisfazione, perché è un grandissimo professionista, un intellettuale libero, e credo che sia un ottimo presidente della Rai. Abbiamo un ottimo amministratore delegato e siamo pronti a lavorare”. Sarebbe pronto comunque lei al compito di presidente? “Siamo pronti a lavorare con Marcello Foa presidente e l’amministratore delegato”.

Rita Borioni:
“Ho dato voto contrario alla nomina di Foa per ragioni evidenti e ovvie. Per me non assolve ai criteri di garanzia nei confronti del consiglio di amministrazione e dell’azienda”. A chi le chiede se si sia discusso anche dei possibili ostacoli alla nomina di Foa in commissione di vigilanza, risponde: “No assolutamente”. Pensa ci sia un accordo in vista? “Non ne ho la minima idea, ero in cda, non mi sono occupata di quello che accade in Vigilanza, non ho altre notizie”.

“Non ho commenti da fare, vedremo domani come va”, ha detto invece Igor De Biasio a chi gli chiedeva dei possibili ostacoli alla ratifica della nomina di Marcello Foa a presidente Rai in commissione di vigilanza. No comment dal consigliere Beatrice Coletti, che ha solo confermato con un “certamente” l’ufficializzazione della nomina di Foa in cda.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Snapchat: nel terzo trimestre crescono utenti e ricavi

Snapchat: nel terzo trimestre crescono utenti e ricavi

<strong> 22 ottobre </strong> Boni batte l’Atalanta, Il Collegio stende Le Iene, Floris stacca Berlinguer

22 ottobre Boni batte l’Atalanta, Il Collegio stende Le Iene, Floris stacca Berlinguer

Fb, Zuckerberg alla Camera in difesa di Libra: estenderà leadership finanziaria Usa, ma non sarà lanciata senza consenso da autorità

Fb, Zuckerberg alla Camera in difesa di Libra: estenderà leadership finanziaria Usa, ma non sarà lanciata senza consenso da autorità