Siae: dimissioni a termine mandato per il presidente Sugar

Filippo Sugar il 31 luglio ha comunicato le dimissioni da Siae, al termine del suo mandato alla presidenza della Società Italiana degli Autori ed Editori, in una lettera al presidente del Collegio dei Revisori di Siae, Laura Belmonte.

“Con l’elezione del nuovo Consiglio di Sorveglianza e l’ormai prossima elezione del nuovo Consiglio di Gestione, la mia missione è giunta al suo termine”, ha scritto Sugar, eletto lo scorso 26 luglio membro del CdS appena insediato.

Filippo Sugar (Ph: Marco Rossi)

Il Consiglio di Sorveglianza si riunirà a breve per l’elezione del nuovo presidente, prevista per il 10 settembre.

Sugar – già vicepresidente del Consiglio di Gestione Siae – ha rivolto il suo ringraziamento ai colleghi consiglieri, al collegio dei revisori, al direttore generale Gaetano Blandini, a “tutta la struttura di dirigenti, dipendenti e mandatari di Siae, condotta con passione da Gaetano attraverso il periodo di maggiore trasformazione della centenaria storia della Società”.

“Naturalmente, il grazie più grande – continua Sugar – va a tutti gli autori ed editori che mi hanno sopportato e, soprattutto, a quelli che mi hanno sostenuto, anche nei momenti difficili”, ha scritto ancora.

“Dobbiamo guardare avanti ed essere pronti anche a guidare i cambiamenti, adattandoci per difendere nel miglior modo possibile il presente e il futuro degli autori e degli editori italiani. Le sfide saranno importanti e spetta a tutti noi dimostrare di esserne all’altezza. Sono certo che insieme ce la faremo e ne usciremo più forti di prima”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Nel 2018 uccisi 80 reporter. Rsf: violenze senza precedenti. Responsabilità da politici e social

Il Papa affida ad Andrea Tornielli la direzione editoriale del Dicastero per la Comunicazione. Andrea Monda direttore Osservatore Romano

Lani (Citynews): cara Gabanelli Internet ha aumentato i lettori. Pubblicità ai big digitali? L’industria editoriale ha le sue responsabilità