Dl dignità: bocciato emendamento contro precariato. Fnsi: da Lega e M5S solo propaganda

“Nessuna discontinuità. Altro che governo del cambiamento. Alla prima e unica occasione di dare un segnale sul contrasto al lavoro giornalistico precario, la maggioranza parlamentare Movimento 5Stelle-Lega vota in Aula compatta contro un emendamento presentato dal gruppo di Liberi e Uguali, sul quale anche gli altri partiti di opposizione hanno fatto convergere i loro voti”. Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della stampa.

Nella foto, da sinistra: Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, e e Giuseppe Giulietti, presidente della Fnsi (foto Assostamparegionali.wordpress.com)

“È la dimostrazione – proseguono i vertici Fnsi – che il ‘decreto dignità’ ha poco o niente di dignitoso e che, nel governo, c’è chi predica bene e razzola male”.

“Votare contro l’emendamento a pochi giorni di distanza dalle dichiarazioni rilasciate in commissione Cultura della Camera dal sottosegretario con delega all’Editoria, Vito Crimi, contro lo sfruttamento nel lavoro giornalistico, è un atto di assoluta incoerenza, che svela il vero volto di chi, evidentemente, usa la parte più debole del mondo del lavoro per fare propaganda”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto