Crimi: nessun ritardo sull’ultimo lotto del bando per le agenzie. Al lavoro seguendo l’iter di legge

“Il dipartimento Informazione editoria si è adoperato immediatamente e sta lavorando alacremente e senza sosta anche in queste ore per concludere nel più breve tempo possibile l’assegnazione dell’ultimo lotto”. Vito Crimi, sottosegretario con delega all’editoria, in una nota ha risposto così al Cdr di Askanews che in una lettera aperta indirizzato a lui e al premier Conte, ha chiesto di “intervenire subito per sbloccare il meccanismo burocratico che sta stritolando i giornalisti”.

“Pur comprendendo le preoccupazioni dei giornalisti dell’agenzia di stampa Askanews a cui va tutta la mia solidarieta’, in merito all’assegnazione del lotto spettante è necessario puntualizzare alcuni passaggi. Askanews non è risultata assegnataria di nessun lotto e solo di recente, al termine di un complesso contenzioso che ha visto coinvolti altri soggetti, è risultata residualmente assegnataria di un lotto”, ha rilevato Crimi.

Vito Crimi (Foto ANSA/ORIETTA SCARDINO)

“In considerazione della grande disponibilità manifestata dai funzionari del dipartimento, della tempestività con cui ogni azione necessaria è stata effettuata mi preme respingere ogni accusa di lungaggine nella procedura che sta seguendo tutto l’iter previsto dalla legge”.

“Anche in queste ore i nostri funzionari e quelli di Palazzo Chigi stanno lavorando per superare tutti i passaggi necessari, previsti dalla legge, senza alcun indugio”, ha ribadito.

“E’ necessario ricordare che stiamo parlando di un appalto per la fornitura di un servizio di durata triennale per un importo che si aggira intorno ai due milioni di euro l’anno. Pertanto i passaggi definiti “lungaggini burocratiche” sono quelle necessarie attività di controllo interno e trasparenza che vengono attivate ogni qualvolta si dispone di denari pubblici”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto