Rai, Di Nicola: Foa l’uomo giusto. Ma per le nomine più saggio aspettare

“Marcello Foa resta l’uomo giusto per fare il presidente della Rai con indipendenza, e mi auguro che il suo nome possa tornare al vaglio della Commissione Vigilanza”. Lo sostiene, in un’intervista a Repubblica, Primo Di Nicola, deputato M5S e vice presidente in Vigilanza, definendo la scelta della bicamerale “un’autentica sorpresa”.

Primo Di Nicola (Foto
ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

“Se ciò non fosse possibile, allora bisognerebbe prendere in considerazione un’alternativa, ma che abbia le stesse caratteristiche”, ribadisce l’ex giornalista dell’Espresso, rivelando però una certa prudenza sulla possibilità che il cda possa fare delle nomine. “L’opportunità e la saggezza dicono che è meglio aspettare che l’iter si perfezioni. Dopodiché noi vogliamo che la Rai venga messa in grado di funzionare subito”.

Nel frattempo, nessun passo indietro. Anzi, secondo Di Nicola “è preciso dovere di Foa mandare avanti l’azienda, nell’ordinaria amministrazione. Non sta usurpando proprio niente”.

Adesso “deve decidere il cda Rai in base al regolamento interno e al codice civile. Devono trovare loro la soluzione migliore”. “Noi – conclude – siamo diversi dagli altri. Noi non interferiamo”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Juve, Real e Barcellona replicano alla Uefa:  Superlega avrà luogo quando sarà riconosciuta

Juve, Real e Barcellona replicano alla Uefa: Superlega avrà luogo quando sarà riconosciuta

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa