Serie B: diritti tv highlights e radiofonici assegnati alla Rai per il triennio 2018-2021

La Lega di B ha assegnato alla Rai i diritti tv esclusivi degli highlights e quelli radiofonici del campionato per il triennio 2018-21. Lo annuncia un comunicato diffuso dopo il Consiglio direttivo, in cui si evidenzia anche il “sensibile aumento dei ricavi rispetto ai tre anni precedenti”.

Secondo indiscrezioni si tratterebbe di una cifra complessiva che supera il milione e mezzo di euro. Ora, aggiunge la nota, si procederà con la commercializzazione dei diritti esteri e dei diritti non esclusivi per il mercato italiano.

Mauro Balata (foto ANSA/ETTORE FERRARI)

Contestualmente, la Lega ha anche comunicato l’annullamento dell’evento di presentazione dei calendari della stagione 2018/19, programmato a Cosenza per il 6 agosto, non avendo ottenuto risposte dalla Federcalcio in merito al nominativo della ventesima squadra necessaria per completare gli organici del prossimo campionato, dopo l’esclusione dell’Avellino. Il Consiglio ha stabilito che si giocherà durante le feste natalizie, con la pausa dal 31 dicembre al 19 gennaio.

Probabilmente la presentazione del calendario andrà in scena a Milano, nella sede della Lega B, ma è ancora difficile prevedere la data, in attesa che con i ripescaggi siano definite tutte le squadre partecipanti al campionato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti