Capigruppo Pd ricevuti da Casellati e Fico. Delrio: insistere su Foa non rispetta la volontà del Parlamento

“Continuare a insistere su un candidato bocciato dalla Commissione parlamentare significa non rispettare la volontà popolare che si esprime nel Parlamento e il dettato costituzionale che garantisce che la Rai è un servizio pubblico e non è a servizio di nessuno, tantomeno di un partito politico”. Ad affermarlo  il capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delrio, che nel pomeriggio, insieme a Andrea Marcucci, capogruppo del Pd al Senato, è stato ricevuto a Palazzo Madama da Maria Elisabetta Casellati e Roberto Fico, presidenti dei due rami del Parlamento.

Graziano Delrio (foto Olycom)

Graziano Delrio (foto Olycom)

“Abbiamo chiesto che si faccia presto nel sottoporre una nuova proposta nell’interesse della Rai e dei cittadini”, ha spiegato Delrio soffermandosi su alcuni passaggi del colloquio incernierato sulla situazione in Rai.

“È chiaro l’indirizzo e la bocciatura da parte della Commissione di Vigilanza del candidato presidente. Bisogna che il governo ne prenda atto e che sia conseguente”, ha rimarcato Marcucci, sottolineando poi che a Fico e Casellati è stata richiesto “di intervenire a difesa del Parlamento e delle nostre prerogative”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco l’elenco dei candidati al Cda Rai. La carica di giornalisti, legali, docenti e manager

Ecco l’elenco dei candidati al Cda Rai. La carica di giornalisti, legali, docenti e manager

Lega Serie A, rinviato il voto sull’offerta di Sky per il pacchetto 2 dei diritti tv. Scaroni (Milan) si dimette da consigliere

Lega Serie A, rinviato il voto sull’offerta di Sky per il pacchetto 2 dei diritti tv. Scaroni (Milan) si dimette da consigliere

Il valore dei brand italiani resiste alla pandemia e cresce dell’11%.  Ranking BrandZ: Gucci in prima posizione, poi a Enel e Tim

Il valore dei brand italiani resiste alla pandemia e cresce dell’11%. Ranking BrandZ: Gucci in prima posizione, poi a Enel e Tim