Fnsi e UsigRai: servizio pubblico esposto a gravi rischi se il Cda non nomina un presidente

“Se il CdA della Rai non nomina il Presidente espone l’azienda a rischi e gravi danni”. Lo scrivono in una nota congiunta Fnsi e UsigRai tornando a parlare della situazione creatasi in Rai.“Il Consiglio di Amministrazione ha un dovere e una opportunità”, evidenziano le due sigle sindacali. “Ha il dovere di completare i vertici, nominando il Presidente. Una opportunità per rimediare al diktat governativo accettato con la nomina di Foa, e per riprendersi la propria autonomia”.

Nel collage, da sinistra il segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso (foto Ansa) e il segretario Usigrai, Vittorio di Trapani (foto Ansa)

“Come è ormai evidente a tutti, il CdA in queste condizioni non può operare. Quindi, ribadiscono in conclusione, non procedere con urgenza alla nomina equivale a costringerla alla inazione: il danno sarebbe evidente. Le responsabilità anche. In sede civile, quanto dinanzi alla Corte dei Conti”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente