Snapchat attira gli investimenti sauditi. Alla chat 250 milioni dal principe Alwaleed Bin Talal

Snap, la società a cui fa capo l’app Snapchat, ha chiuso il secondo trimestre sopra le previsioni degli analisti. I ricavi si sono attestai a 262,3 milioni di dollari, oltre i 249,8 milioni previsti dal mercato, mentre le perdite sono risultate inferiori alle attese.

Come già successo anche a Facebook, anche per la chat dei messaggi usa e getta si è registrato un calo degli utenti giornalieri attivi, sceso del 2% rispetto ai primi tre mesi dell’anno a 188 milioni. Un calo – il primo registrato dal 2011 – che Evan Spiegel, l’amministratore delegato della società, ha messo in relazione con “la minore frequenza di uso a causa del nuovo design dell’app”, che è stato aspramente criticato dagli utenti, tanto da dover fare una parziale marcia indietro. Snapchat ora secondo Spiegel “sta iniziando a vedere significativi miglioramenti” negli indicatori che misurano l’uso, in particolare da parte degli utenti di più vecchia data.

Evan Spiegel

Insieme ai conti trimestrali è arrivata poi anche la notizia che il principe saudita Alwaleed Bin Talal ha investito 250 milioni di dollari nella società, spingendo il titolo in borsa, fino a toccare un +14% alla chiusura delle contrattazioni.
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto