Cairo Communication: nel primo semestre utili in crescita a 29,6 milioni; ricavi stabili rispetto al 2017

Cairo Communication ha chiuso il primo semestre con un utile netto di pertinenza del gruppo pari a 29,6 milioni di euro, in crescita rispetto ai 19,9 milioni registrati nello stesso periodo del 2017. I ricavi consolidati, spiega una nota, sono pari a 678,1 mln (633,3 mln in 2017),sostanzialmente stabili rispetto al 30 giugno 2017 su base omogenea, l’Ebitda è di 96,5 mln (85,2 mln in 2017), mentre l’Ebit di 67,4 mln (53,2 mln in 2017).

L’indebitamento finanziario netto consolidato al 30 giugno 2018 risulta pari a circa 243,2 milioni (263,1 milioni al 31 dicembre 2017) ed evidenzia una riduzione di 19,9 milioni rispetto al 31 dicembre 2017 e di 102,4 milioni rispetto al 30 giugno 2017.

Rcs ha realizzato margini in linea con gli obiettivi di risultato del 2018 e in forte crescita, conseguendo un risultato netto positivo di 45,4 milioni quasi raddoppiato rispetto ai 24 milioni nel primo semestre 2017.
Il margine operativo lordo pari a 87,3 milioni nel bilancio consolidato di Cairo Communication, è stato in crescita di circa 13,7 milioni rispetto al primo semestre 2017.

Urbano Cairo (Foto Ansa/Mourad Balti Touati)

Per il settore editoriale televisivo, il Gruppo ha conseguito un margine operativo lordo di circa 2,2 milioni, in flessione rispetto all’esercizio precedente (3,7 milioni nel primo semestre 2017), impattato – si legge – anche dall’incremento dei costi di palinsesto per “rafforzare la qualità della programmazione”. La7 ha registrato nel semestre un incremento degli ascolti (+33% sul totale giorno e +46% in prime time). Nel semestre, la raccolta pubblicitaria sui canali La7 e La7d, pari a 75,1 milioni, è stata in crescita rispetto al pari periodo del 2017 (74 milioni). L’obiettivo di crescita della raccolta pubblicitaria dei due canali nell’ultimo quadrimestre 2018 è pari a +10%.

Il settore editoria periodici Cairo Editore, si legge ancora, ha conseguito risultati positivi, realizzando un margine operativo lordo e un risultato operativo rispettivamente pari a 4,2 milioni e 3,7 milioni (6,1 milioni e 5,5 milioni nel primo semestre 2017).

Per il 2018 il Gruppo Cairo Communication continuerà a perseguire lo sviluppo dei suoi settori editoria periodica Cairo Editore e raccolta pubblicitaria, continuando per Cairo Editore nella strategia volta a cogliere “segmenti di mercato con maggiore potenziale, consolidando inoltre i risultati delle proprie testate”. Per tali settori, nonostante il contesto economico e competitivo, in considerazione della qualità delle testate edite e dei mezzi in concessione, considera realizzabile l’obiettivo di continuare a conseguire risultati gestionali positivi; ad impegnarsi con l’obiettivo di sviluppare la propria attività nel settore editoriale televisivo, per il quale si prevede il conseguimento anche nell’anno 2018 di un margine operativo lordo positivo.

Nella nota, relativamente a Rcs, il gruppo conferma, in assenza di eventi al momento non prevedibili, “di considerare conseguibile nel 2018 una crescita del margine operativo lordo e dei flussi di cassa della gestione corrente rispetto all’esercizio 2017, tali da consentire di ridurre l’indebitamento finanziario a fine 2018 al di sotto di 200 milioni di Euro”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ogni giorno venduti più di 2 milioni di quotidiani in Italia e 200 mila copie digitali acquistate. I dati di Ediland Meeting 2019

Ogni giorno venduti più di 2 milioni di quotidiani in Italia e 200 mila copie digitali acquistate. I dati di Ediland Meeting 2019

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom