Nyt: due terzi dei ricavi arrivano da abbonamenti. Nel 2° semestre 109mila nuove sottoscrizioni

Il New York Times chiude il secondo semestre con ricavi a 414,6 milioni di dollari in crescita dell’1,8% sul 2017.  Mentre continua calo della pubblicità, sia su carta (-11,5%) che sul web (-7,5%), a rappresentare la fetta più grossa dei guadagni – quasi due terzi – sono i ricavi da abbonamento, aumentati del 4,2%, grazie a 109mila nuove sottoscrizioni digitali.

La sede del New York Times (foto Primaonline.it)

Sale così a 3,8 milioni il numero degli abbonamenti totali, 2,9 milioni dei quali solo digitali.

“Quanti si sono abbonato per le elezioni del 2016 e nel periodo post-elettorale continuano a resistere più di chi si è abbonato prima”, ha evidenziato Mark Thompson, ceo dell’editrice, sicuro che il trend positivo continuerà. “Continuiamo a credere che ci sia uno spazio significativo per allargare notevolmente questa base”.

Thompson si è detto ottimista anche sul fronte pubblicitario. “Come avevamo previsto, questo è stato un trimestre sottotono per la pubblicità digitale. Ma”, ha concluso, “rimaniamo fiduciosi che nel terzo trimestre torneremo a registrare una forte crescita sull’anno”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Calcio in tv, a Napoli è boom dei decoder pirata con Dazn

Tragedia di Genova, dopo il duro colpo alla reputazione del gruppo, l’impegno di Autostrade ‎per la città

Dazn, primo accordo extra-televisivo: Serie A in streaming ai clienti Tim