Gdpr: più di 1000 siti di news Usa non si sono ancora adeguati. E restano irraggiungibili dall’Europa

Avevano a disposizione due anni per prepararsi, ma più di 1.000 siti Usa – compresi una trentina di portali legati ad alcuni dei più grandi giornali americani – non sono riusciti ad arrivare preparati all’appuntamento con la GDPR, la normativa Ue sulla privacy entrata in vigore il 25 maggio scorso. E a più di due mesi di distanza continuano a non essere in regola.

A mettere in risalto la stranezza della situazione NiemanLab, che ha raccolto una serie di commenti e opinioni da parte di americani e non, che dall’Europa cercano di accedere inutilmente ai siti in questione.

Alcuni delle home page dei siti non in regola

Tra i ritardatari figurano testate legate a gruppi come Lee Enterprises, GateHouse Media e Tronc.
Mentre GateHouse e Tronc non hanno rilasciato commenti sul tema, Lee Enterprises ha dichiarato al momento di non aver intenzione di cambiare. I siti del gruppo infatti non attirerebbero un numero  di visitatori Ue tale da giustificarne l’adeguamento alla Gdpr.

Scelta magari comprensibile per certi aspetti, ma che comunque non aiuta i lettori, visto che sono più di 16 milioni gli americani che ogni anno visita l’Europa. E che rischia di tagliar fuori preventivamente un potenziale bacino di diversi milioni di utenti europei interessati agli Usa.

Insomma, una situazione perlomeno curiosa se si pensa a quanto i media americani siano spesso presi come modello di riferimento dagli omologhi europei, per la loro capacità di intercettare le novità.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Panico tra gli utenti Netflix: arriva la pubblicità? L’azienda: no, sono “promotionals” (e si possono skippare)

Esposto Codacons all’Antitrust su Sky e Dazn: pratiche commerciali scorrette e pubblicità ingannevole

L’Ue verso sanzioni più severe contro piattaforme web che non rimuovono subito contenuti di propaganda estremista