Microsoft vara AccountGuard, soluzione contro gli hacker. Il presidente Brad Smith: con internet alcuni governi influenzano il voto

“È chiaro che le democrazie di tutto il mondo sono sotto attacco. Entità straniere stanno lanciando attacchi informatici per interrompere le elezioni e seminare discordia”. Così in un post il presidente di Microsoft, Brad Smith, dopo che la compagnia avrebbe scoperto hacker “largamente associabili” al governo russo che puntavano a gruppi politici Usa.

Il presidente di Microsoft Brad Smith (Foto Ansa – EPA/MARIO CRUZ)

“Internet – spiega Smith – è diventato un modo per alcuni governi di rubare e divulgare informazioni, diffondere disinformazione, sondare e tentare di manomettere i sistemi di voto”. I domini, riferisce l’Ansa, tentavano di spacciarsi per il Senato e per per due organizzazioni conservatrici americane, l’Hudson Institute e l’International Republican Institute.

Tentativi di interferenze da parte di hacker stranieri si sono visti nelle elezioni presidenziali Usa del 2016, nelle presidenziali francesi del maggio scorso “e ora, in un modo sempre più ampio, mentre gli americani si stanno preparando per le elezioni di metà mandato a novembre”, evidenzia Smith.

Motivo per cui Microsoft rende noto il varo di AccountGuard, prodotto che, secondo Smith, “fornirà una protezione informatica all’avanguardia senza costi aggiuntivi a tutti i candidati e agli uffici per la campagna elettorale a livello federale, statale e locale, così come ai think tank e alle organizzazioni politiche che ora crediamo siano sotto attacco”.

La replica. Il Cremlino ha detto di non avere idea del perché Microsoft abbia denunciato di aver sventato una presunta campagna di attacchi di hacker russi contro siti Usa, tesi a influenzare le elezioni di metà mandato di novembre.

“La nostra risposta è quella di sempre: non capiamo di che hacker stiano parlando e quale sia la loro influenza sul voto”, ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov. “Non capiamo quali prove abbiamo e su cosa siano basate tali conclusioni”, ha poi aggiunto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente