Con 800 milioni di internauti la Cina è la più grande comunità online. L’ecommerce 2018 vale già 600 miliardi

E’ la Cina la più grande comunità online del pianeta. Circa 800 milioni di utenti, il triplo degli Stati Uniti d’America. Senza contare che due cinesi su cinque ancora non utilizzano la rete e dunque i margini di crescita sono ampi. A riferirlo Asianews, l’agenzia del Pime, che cita dati di un report della China Internet Network Information Centre (Cnnic).

Foto Ansa – EPA/Aleksandar Plavevski

A giugno 2018, spiega Asianews, 566 milioni di persone hanno fatto acquisti su internet. Il numero è cresciuto del 7,4 % rispetto al semestre precedente. Il valore delle vendite al dettaglio online ha raggiunto 4,08 trilioni di yuan (circa 594 miliardi di dollari) durante la prima metà del 2018, con un aumento del 30,1% rispetto all’anno precedente.

La Cina, tuttavia, ricorda l’agenzia, ha bloccato 135 siti tra i più visitati al mondo tra cui Google, Youtube, Facebook e Twitter. Il sistema di censura si chiama Golden Shield (o Great Firewall). Ma Google, conclude Asianews, starebbe trattando col governo per sbarcare in accettando la censura con un progetto denominato Dragonfly.

Apple, invece, ha appena rimosso 25mila app dall’App Store cinese, tra cui 4mila dedicate al gioco online.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager