Fiorello: nessun addio alla Rai, sono pronto per il mio nuovo show

“Sono prontissimo per il mio nuovo show in Rai. Decideremo insieme ai nuovi vertici dove farlo e quando”. Sono le parole di Fiorello all’Ansa, con cui lo showman ha rotto il silenzio sul nuovo varietà che, secondo l’agenzia, dovrebbe andare in onda in 4 puntate sulla rete ammiraglia in autunno, in diretta da un teatro tenda da allestire nell’area di Tor di Quinto. Né Fiorello né viale Mazzini hanno confermato.

Rosario Fiorello (Foto ANSA/FABIO FRUSTACI)

C’è ancora, spiega Fiorello, “qualche intoppo burocratico da risolvere”, ma si dice fiducioso e al lavoro per il suo ritorno in tv. “Nessuno aveva mai dato conferma dello show, tanto che non era stato annunciato alla presentazione dei palinsesti, quindi non era mai stata comunicata una data ufficiale”, spiega ancora all’Ansa Fiorello.

“Non sto dicendo addio alla Rai, anzi sono prontissimo”, precisa lo showman, in riferimento all’anticipazione diffusa dal settimanale Chi. “Non è vera inoltre – puntualizza Fiorello – la notizia che la Rai non gradiva la location, anzi, al contrario, la Rai si stava adoperando affinché si potesse usare l’area che però aveva qualche problema burocratico da risolvere, cosa che ha fatto solo slittare la preparazione della trasmissione a data da destinarsi”. E conclude: “Non appena i nuovi vertici si insedieranno, potremo risolvere i problemi e lo show si farà”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez