Serra critica i network che trasmettono calcio: scaricano sul cliente il costo della “macedonia” di orari e decoder

“A proposito di nazionalizzazioni: nazionalizzate il calcio”. Apre con questa provocazione Michele Serra la sua rubrica di oggi, L’Amaca, su Repubblica, dedicata alla frammentazione dell’offerta di calcio in tv. “Tagliato a tocchi, come un animale macellato, e venduto ai network che poi ce lo rivendono in una ridda di decoder”, “contratti felloni”, “connessioni zoppe” e “una folle macedonia di orari”. Così descrive Serra la situazione odierna della Serie A trasmessa da Sky e Dazn, senza omettere riferimenti espliciti ai due operatori. Con il risultato peraltro che quella che un tempo era chiamata la “giornata del campionato di calcio” oggi è “spalmata lungo la settimana”.

(CC0 Creative Commons)

“Il peggio”, secondo Serra, è che “il peso di questa gestione ricade tutto intero sul cliente”, che deve “aggiornarsi ogni anno”, “imparare siglette e numerini”, “aggiungere password”. E conclude: “Il vero criterio del Nuovo Mercato è scaricare sulle spalle del cliente ogni onere, perché il personale costa mentre le ore che il cliente perde per leggere i contatori, sintonizzarsi di qui e di là, aspettare in linea, imprecare contro il mondo, sono comprese nel prezzo del contratto”.

Ieri il Codacons ha annunciato un esposto su Sky e Dazn per pratiche commerciali scorrette.

Qui una breve cronistoria della partita sui diritti tv della Serie A che ha portato alla situazione odierna.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Auditel arriva la rilevazione dei device mobili. In Italia più di 112 milioni di schermi possono accedere a contenuti video o tv

Auditel arriva la rilevazione dei device mobili. In Italia più di 112 milioni di schermi possono accedere a contenuti video o tv

Inpgi, Crimi: M5S non vuole commissariamento; ipotesi passaggio ammortizzatori sociali all’Inps

Inpgi, Crimi: M5S non vuole commissariamento; ipotesi passaggio ammortizzatori sociali all’Inps

Condè Nast vende W a Future Media Group. Sara Moonves sostituisce alla direzione Stefano Tonchi

Condè Nast vende W a Future Media Group. Sara Moonves sostituisce alla direzione Stefano Tonchi