Così il Washington Post usa i podcast per accendere un faro sulla presidenza Trump

Il Washington Post è attivissimo nella sua battaglia contro Donald Trump tanto più adesso che Trump è al centro degli scandali suscitati dai procedimenti giudiziari contro i suoi ex collaboratori Paul Manafort e Michael Cohen e della tensione politica in vista delle elezioni di mezzo termine a novembre.

Washington Post picchia duro non perdendo mai un colpo, seguendo e analizzando le dinamiche di come Trump si informa attraverso Twitter, di come il suo canale supporter Fox & Friends tratta, minimizzandole, brutte notizie che lo riguardano, ma anche utilizzando lavori di approfondimento come l’audio podcast ‘Può farlo?’ per analizzare approfonditamente gli effetti di che sta avendo.

Condotto da Allison Michaels, il podcast utilizza il lavoro di giornalisti ed esperti del Washington Post per illuminare i modi in cui Donald Trump può rimodellare la presidenza . E questo cosa significa per gli Stati Uniti e per il resto del mondo.

“La presidenza di Donald Trump è diversa da ogni altra che l’ha preceduta”, è scritto nella presentazione. “Dalla rotazione del personale da record a decisioni politiche imprevedibili alle indagini in corso sulla sua campagna, ogni episodio di questo podcast si concentra su un aspetto del tempo di Trump alla Casa Bianca che fa nascere la domanda: Può farlo?”.

Un ottimo modello di lavoro che potrebbe essere utilizzato anche in Italia per monitorare gli effetti del governo gialloverde.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy