La Francia dice addio al telefono fisso. Da novembre Orange smantellerà la rete

Addio vecchie linee telefoniche fisse: dal 2023 in Francia si passerà soltanto dalla box di Internet se si vuole mantenere la linea di casa. A segnalarlo nei giorni scorsi ‘Le Parisien’, spiegando che già a partire dal prossimo novembre, l’operatore Orange (ex France Telecom) non commercializzerà più offerte per le linee tradizionali, quelle con la vecchia spina a muro.

CC0 Creative Commons (foto: Pixabay.com)

L’operazione si preannuncia delicata: su 20 milioni di utenti con linea fissa, in 9,4 milioni – poco meno della metà – hanno ancora il vecchio sistema, senza internet o banda larga.

Ma il passaggio non sarà brusco, visto che ci saranno 4 anni di tempo prima di vedersi tagliata la linea. E Orange procederà a un test su un campione rappresentativo della popolazione, per il quale sono stati scelti 14 comuni della Bretagna, con un occhio di particolare attenzione per le zone extraurbane

Fra nostalgici del telefono all’antica ed esperti che temono resistenze, non manca neanche chi ci vede il rischio di approfondire la frattura tra la Francia più moderna e metropolitana e quella rurale, più arretrata. Senza poi parlare del rischio black out internet che, nel caso più estremo, potrebbe lasciare il paese isolato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente