Rai: petizione a Cda e Vigilanza per la nomina di Milena Gabanelli alla presidenza

Mentre volge al termine la pausa estiva, tornano ad accendersi l’attenzione sulla situazione del Cda Rai, ancora senza un presidente. La Società Pannunzio per la Libertà di Informazione, Senza bavaglio e la Fondazione Critica liberale hanno lanciato un appello al board di Viale Mazzini e alla Commissione di Vigilanza a sostegno di Milena Gabanelli, per la sua nomina alla presidenza.

Milena Gabanelli (foto Olycom)

“Per la Rai siamo arrivati a una svolta. O si cambia radicalmente – come ci saremmo aspettati da un governo che si autodefinisce “del cambiamento” – oppure si resta ancorati ai vecchi sistemi: spartizione e lottizzazione”, scrivono i promotori, definendo Gabanelli “una persona con le caratteristiche che tutte le forze politiche sostengono di cercare, professionalità e indipendenza”.

“Come giornalisti, ma anche come semplici cittadini interessati a un servizio pubblico da sottrarre al controllo della politica, riteniamo che Milena Gabanelli, la cui storia professionale mostra doti di forte autonomia, sia il vero segnale del cambiamento”, concludono.

(Per aderire e sottoscrivere all’appello è possibile inviare una mail a gabanellipresidente@gmail.com con nome, cognome e professione, e incarico se c’è, indicando nell’oggetto “Aderisco”)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti