L’Osservatore Romano: la lettera di Viganò episodio di opposizione interna

Durante la conferenza stampa sul volo di ritorno dall’Irlanda, Papa Francesco, dopo aver discusso di “aspetti diversi degli abusi, ‘di potere, di coscienza e sessuali’, da parte di esponenti della Chiesa’” ha risposto “su un nuovo episodio di opposizione interna”. Così, in un editoriale che dà conto del viaggio del Pontefice in Irlanda, dal titolo ‘Gli scandali e la guarigione’, il direttore dell’Osservatore Romano, Giovanni Maria Vian, definisce il caso delle accuse rivolte in una lettera dall’ex nunzio negli Stati Uniti, monsignor Carlo Maria Viganò, al Papa di aver taciuto sugli abusi del cardinale di Washington, Theodore McCarrick.

La copertina dell’Osservatore Romano con l’editoriale di Vian

“‘Io non dirò una parola su questo‘ ha detto, perché ‘parla da se stesso, e voi avete la capacità giornalistica sufficiente per trarre le conclusioni’ – ricorda Vian nell’editoriale (pubblicato anche online) – Dimostrando così fiducia nella ‘maturità professionale’ dei giornalisti, secondo una linea avviata nella Chiesa al tempo del concilio e poi sviluppata nei decenni successivi, sia pure tra ombre e luci, da entrambe le parti”.

Il quotidiano della Santa Sede definisce poi “altrettanto meditata e attenta a non entrare minimamente negli aspetti politici la risposta del Papa sull’accoglienza dei migranti: un principio morale antichissimo ma che va declinato oggi con ragionevolezza e prudenza, tenendo presente l’indispensabile integrazione dei nuovi arrivati e gli orrori molteplici, nei paesi di partenza e in quelli di arrivo, della tratta di esseri umani, vergogna delle nostre società”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy