L’Ue pronta a multare i partiti che usano i dati degli utenti per fare propaganda

Il caso Cambridge Analytica fa scuola. L’Unione Europea potrebbe decidere di multare i partiti che utilizzano la raccolta di informazioni personali per fini propagandistici. A rivelarlo il Financial Times, parlando della bozza di un disegno di legge circolato tra gli uffici della Commissione Ue che sembra orientato a prevenire nuovi scandali e manipolazioni prima delle prossime elezioni europee, legate anche al ruolo di gruppi anti-europeisti o filo-russi​​.

Europarlamento (foto Ansa – EPA/FRED MARVAUX)

Utilizzare il targeting dei cittadini in Europa è legale, ma, sintetizza Agi, deve essere fatto in modo trasparente e con il dovuto consenso da parte degli elettori. La bozza di legge intende punire con multe fino al 5% del proprio budget annuo i gruppi politici europei che non dovessero rispettarla, ma non è escluso che la versione definitiva possa cambiare sensibilmente.

Una simile norma tuttavia, può trovare applicazione soltanto verso i partiti europei, dal momento che la Commissione non ha autorità sui partiti dei Paesi membri.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il pubblico dei talk e le duplicazioni: Zoro e Giordano, mondi lontanissimi; l’affinità ‘segreta’ tra Porro e Giletti

Il pubblico dei talk e le duplicazioni: Zoro e Giordano, mondi lontanissimi; l’affinità ‘segreta’ tra Porro e Giletti

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid