Vatican News smentisce la presunta contestazione di piazza a Papa Francesco

Non capita tutti i giorni che ad aprire il sito di Vatican News, il nuovo portale informativo del Vaticano voluto dalla Segreteria per la comunicazione, sia l’esplicita smentita di una presunta fake news. Ma nei giorni immediatamente successivi alla pubblicazione del dossier Viganò succede anche questo. Il motivo è che ieri, in Piazza San Pietro, un coro dei fedeli di Lucca per il proprio vescovo (Italo Castellani) è stato trasformato, volontariamente o meno, da alcuni media in un atto di protesta contro Papa Francesco.

Al termine della catechesi, infatti, è stato scandito da un gruppetto della diocesi di Lucca il coro “I-ta-lo”, ma qualche giornalista del web ha sentito (o voluto sentire?) “Vi-ga-nò” e ha deciso di titolare il video sulla presunta contestazione a Papa Francesco. Poi qualcuno si è corretto, altri non ancora.

Il risultato è che oggi su Vaticanews.va campeggia un articolo intitolato “Il Papa, le fake news e l’atto di fiducia nei giornalisti” in cui viene descritto come la fake news in questione sia diventata virale sui social media passando in breve all’informazione main stream. “Apparentemente senza filtri”.

Come insegna proprio la Chiesa, errare è umano e l’assonanza avrebbe potuto anche indurre qualcuno a commettere un errore; ma una scrupolosa verifica sarebbe stata quanto mai opportuna in questo caso. E posto l’assunto che proprio Papa Francesco ha ricordato l’altro giorno in volo circa la presunzione d’innocenza (che vale anche per i giornalisti del web), qualora l’errata interpretazione fosse voluta, sarebbe quanto mai doverosa la puntualizzazione di Vatican News.

L’intervento del portale ufficiale del Vaticano segue di pochi giorni l’editoriale dell’Osservatore Romano , il quotidiano della Santa Sede, in cui la lettera di Viganò viene descritta senza indugio come un “episodio di opposizione interna”.

Il video:

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio