Usa: arrestato uomo che minacciava di morte lo staff del Boston Globe

L’Fbi ha arrestato un uomo accusato di aver minacciato di uccidere lo staff del Boston Globe ripetendo le accuse di Donald Trump ai giornalisti, ossia che sono “nemici del popolo” e “fake news”. Si tratta di Robert Chain, 68 anni, di Encino (California). Deteneva varie armi da fuoco e in maggio aveva comprato una potente carabina calibro 9 mm. Le minacce sono arrivate dopo che il giornale aveva proposto il 10 agosto una campagna dei media Usa per rispondere agli attacchi di Trump.

 

Chain è accusato di aver chiamato almeno 14 volte la newsroom del Globe minacciando di sparare in testa ai membri dello staff. L’uomo aveva telefonato da un numero bloccato il 16 agosto, giorno in cui tutti i giornali americani avevano pubblicato un editoriale a difesa della libertà di stampa criticando gli affondi del presidente. Quel giorno Trump aveva twittato diversi attacchi ai media, lamentandosi delle fake news. Il Boston Globe aveva quindi contattato la polizia e ingaggiato una compagnia privata per garantire la sicurezza del personale. Sei giorni dopo Chain ribadì le sue minacce da un telefono intestato alla moglie, cosa che ha consentito all’Fbi di rintracciarlo e arrestarlo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio