Fatto quotato entro il 2018. L’ad Monteverdi: investiremo di più

“La società editoriale Fatto Quotidiano si quoterà in Borsa, al mercato Aim, entro la fine del 2018 e quoterà al massimo il 25% del suo valore”. Lo scrive il quotidiano diretto da Marco Travaglio. “A quanto illustrato dall’ad Cinzia Monteverdi, insieme a Marco Travaglio, Antonio Padellaro e Marco Lillo – si legge -, durante l’assemblea con i ‘soci di Fatto’ che si è tenuta ieri durante la festa in Versiliana”.

Cinzia Monteverdi (foto da uff. stampa Editrice Il Fatto)

“Quanto potrà essere valutata la società non lo sapremo prima di ottobre”, ha precisato Monteverdi, “poiché le analisi di advisor e global coordinator sono ancora in corso”. “Già quattro anni fa volevamo intraprendere questi rami di diversificazione – ha spiegato l’ ad – ed erano già oggetto di un possibile percorso di quotazione, ma ci siamo fermati per non far rischiare i soldi agli investitori esterni”.

“Abbiamo preferito – ha aggiunto Monteverdi -, visto che avevamo delle riserve importanti, iniziare il percorso da soli. Poi, siccome tutte le cose differenti che abbiamo fatto ci hanno dato segnali positivi, possiamo dire che oggi vale la pena affrontare un percorso di quotazione, per investire maggiormente e per fare il vero salto, per andare a sviluppare questi trend che in tutte le aree ci danno segno più e che funzionano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente