Wpp: ufficiale la nomina di Mark Read a ceo. Quarta torna al ruolo di presidente non esecutivo

A conferma delle voci che circolavano ormai da diversi giorni, sarà Mark Read a guidare Wpp nel ruolo di ceo, sostituendo Martin Sorrell, fondatore del colosso dell’adv britannico, dimessosi in primavera.

Con la nomina di Read, Roberto Quarta, torna a ricoprire il precedente incarico di presidente non esecutivo, lasciato provvisoriamente ad aprile, mentre Andrew Scott, già nominato chief operating officer, è stato confermato in via definitiva per questo incarico.

Mark Read

Read, che – segnala una nota della compagnia – nella sua nuova posizione guadagnerà avrà uno stipendio fisso di 975mila sterline, ha iniziato a lavorare per Wpp nel 1989. E’ poi approdato nella società di consulenza Booz Allen & Hamilton prima di fondare WebRewards, start-up specializzata in programmi fedeltà online, che è poi stata venduta a Bertelsmann nel 2001.

Dopo aver lavorato sullo sviluppo digitale di Wpp per oltre un decennio, è stato nominato ceo di Wunderman nel 2015, ampliandone il business – focalizzato sul direct marketing – includendo la consulenza, la business transformation e l’e-commerce.

Dopo l’uscita di Sorrell, Read era stato nominato chief operating officer, prendendo le redini delle operazioni giornaliere di Wpp.

Wpp al momento è sotto pressione da parte di investitori e grandi clienti, come Ford Motor e Unilever, perchè renda il processo di acquisto, creazione e misurazione dell’efficacia delle pubblicità più trasparente e semplice. Read avrà dunque il compito di consolidare gli svariati servizi della società, dalla scienza dei dati alla creazione di spot televisivi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ogni giorno venduti più di 2 milioni di quotidiani in Italia e 200 mila copie digitali acquistate. I dati di Ediland Meeting 2019

Ogni giorno venduti più di 2 milioni di quotidiani in Italia e 200 mila copie digitali acquistate. I dati di Ediland Meeting 2019

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom