- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Elle diventa settimanale, Maria Elena Viola direttrice

Cambia la strategia nei femminili di Hearst Italia, che punta decisamente sul mercato dei settimanali: l’ad Giacomo Moletto ha deciso di trasformare Elle, il principale brand del gruppo, in settimanale con una mega redazione di 63 persone che incorpora l’attuale redazione di Gioia!. L’ultimo numero mensile di Elle uscirà a metà ottobre, il primo da settimanale a inizio novembre e contestualmente Gioia! cesserà le pubblicazioni.

Maria Elena Viola

Maria Elena Viola

“Elle diventa settimanale perché siamo fortemente convinti che con qualità dei contenuti, coerenza di posizionamento fra print, digital e social e un brand internazionale così forte, si possano appassionare le lettrici, fornire un media efficace ai clienti pubblicitari e far crescere i fatturati”, spiega Giacomo Moletto, ceo Hearst Italia e Western Europe. “Inoltre lo storico successo dell’edizione francese conferma come Elle sappia combinare il dna del settimanale con un’immagine moda particolarmente qualitativa. In più, grazie al network internazionale, i nostri partner avranno l’opportunità di sviluppare progetti di comunicazione multimediale di respiro internazionale”.
Attualmente il network di Elle, inclusa la Francia e le edizioni internazionali, comprende 45 edizioni in 43 paesi.

Antonella Antonelli

Antonella Antonelli

La direzione di Elle va a Maria Elena Viola, affiancata da Antonella Antonelli che con il ruolo di creative director avrà il compito di guidare l’immagine e il posizionamento moda. Antonelli mantiene anche la carica di Fashion Vice President at Large di Hearst Italia. Ai vertici della redazione di Elle: Elena Mantaut, vice direttore vicario attualità; Benedetta Dell’Orto, vice direttore vicario moda, Alberto Zanoletti, vice direttore moda; Claudia Valeriani e Michela Gattermayer vice direttori centrali. Il progetto grafico di Elle è affidato a Pilar Ibanez, art consultant del magazine. La redazione di elle.it à guidata da Paola di Marcantonio, digital managing editor con Barbara Digiglio, deputy digital managing editor.