Usigrai: Rai viola Contratto di Servizio. Intervenga la Corte dei Conti

“La Rai viola il Contratto di Servizio”. Lo denuncia l’UsigRai in una lettera indirizzata ieri dall’esecutivo del sindacato dei giornalisti del servizio pubblico all’Ad Fabrizio Salini, al Consiglio di Amministrazione, al Collegio dei Sindaci, e per conoscenza alla Commissione parlamentare di Vigilanza.

“Un piano contro il precariato, il piano news, la lotta alle fake news. Obblighi specifici della Rai entro 6 mesi dall’entrata in vigore del Contratto di Servizio. Ma la Rai non è in grado di rispettarli”, si evidenzia nel testo firmato dal segretario Di Trapani, rimarcando come “senza Presidente il CdA non può rispettare questi e altri obblighi”.

Il testo della lettera

“I danni sono evidenti”, scrive ancora il sindacato, chiamando in causa la Procura della Corte che “valuterà questi comportamenti omissivi”.

Ecco di seguito il testo della missiva (pdf), datata 3 settembre.

Gentile Presidente ,
come a Loro noto, l’articolo 24 del Contratto Nazionale di Servizio tra il Ministero della sviluppo economico e la Rai prevede un preciso obbligo per la Concessionaria: la definizione di un apposito piano volto, tra l’altro, a perseguire l’obiettivo di stabilizzare il personale assunto con contratti a tempo determinato o di collaborazione continuativa.

Tale piano – dispone espressamente la norma citata – deve essere definito entro sei mesi dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Contratto Nazionale di servizio; e cioè, considerando quanto stabilito dal relativo articolo 30, entro l’8 settembre p.v.

Ad oggi – e la scadenza è ormai vicina – non solo il piano non risulta definito, ma nemmeno inizialmente predisposto.

Come tutti sanno, il precariato in Rai è un’annosa questione ancora del tutto aperta. Molte lavoratrici e molti lavoratori avevano visto con favore quanto disciplinato dal nuovo Contratto di Servizio: la definizione di un piano con il preciso scopo di stabilizzare finalmente chi (e da molti anni) contribuisce giornalmente, con il proprio lavoro, al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

E anche finalmente riconoscere il “giusto contratto” a chi da anni svolge un lavoro senza il riconoscimento del Contratto adeguato.

È per tale ragione che l’Usigrai ribadisce la richiesta al Consiglio di Amministrazione di nominare con urgenza un Presidente da proporre alla Commissione di Vigilanza, per entrare nel tempo più breve possibile nel pieno dei suoi poteri.

Inoltre, la Rai sta violando un altro obbligo fondamentale (art. 25 lett. e) del Contratto di Servizio): la presentazione, da formalizzare sempre entro la data dell’8 settembre p.v., di un piano di riorganizzazione delle news.

L’Usigrai sottolinea da anni questa necessità, ma l’Azienda si mostra ancora inadempiente nonostante uno specifico obbligo confluito nel Contratto di servizio.

E’ noto che la Rai avrebbe bisogno con urgenza, ad esempio, di un piano per web, social e multipiattaforma; è noto che ci sono testate che hanno bisogno di una guida stabile per attuare un piano di rilancio; è noto che l’informazione di rete vede incontrastato lo strapotere degli agenti, quando invece un serio piano di riorganizzazione potrebbe affidarla alle testate, con conseguenti importanti risparmi.

Eppure, leggiamo costantemente organigrammi già scritti per i futuri direttori di tutte le testate, ma non una riga, un progetto, un’idea su come rilanciare la Rai Servizio Pubblico, su come assicurare un crescente presidio informativo, come garantire mezzi e risorse per aumentare la qualità del lavoro sul campo.

L’articolo 25 del contratto di servizio prevede numerosi altri gli obblighi per la Rai, ma nulla è stato ancora fatto: dalla valorizzazione e promozione della propria tradizione di giornalismo di inchiesta alla attivazione di strumenti per il contrasto della diffusione delle fake news, passando per l’adozione delle migliori esperienze europee ed internazionali sul fact checking.

Dobbiamo purtroppo segnalare, infine, che la presente comunicazione non può essere inviata alla Commissione paritetica di cui all’art. 22 del Contratto di Servizio per un motivo, in realtà, molto semplice e, comunque, sconfortante: nonostante la prescrizione contenuta nel citato articolo secondo la quale tale Commissione si sarebbe dovuta costituire entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del Contratto nella Gazzetta Ufficiale (7 marzo 2018), ad oggi non risulta ancora alcuna costituzione.

I danni di tali comportamenti sono evidenti. I lavoratori precari e le loro famiglie attendono da anni la stabilizzazione e se la Rai dovesse continuare ad omettere ciò che il Contratto di Servizio impone, crediamo che a pagare non debba essere la collettività (e analogamente si può dire per l’omissione del piano news), ma solo i responsabili di tali gravi comportamenti omissivi, che la Procura della Corte dei conti avrà certamente il modo di individuare nell’ambito delle proprie prerogative e competenze.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente