Agcom: proroga di 90 giorni per la procedura sulla separazione della rete Tim

L’Agcom si dà altri novanta giorni di tempo per l’analisi dei mercati dei servizi di accesso, nell’ambito della quale si sta valutando la proposta di separazione della rete avanzata da Tim. Con una delibera approvata lo scorso 25 luglio e pubblicata ieri sul sito, l’Autorità fa sapere che proprio considerando che a giugno scorso il Consiglio ha ritenuto che il progetto di societarizzazione ha “i requisiti di ammissibilità” e che è stata avviata una consultazione pubblica nazionale su “uno schema unitario di provvedimento di analisi dei mercati dell’accesso che include l’impatto del progetto di separazione della rete Tim” sui mercati in esame”, è stata decisa la proroga “al fine di completare gli adempimenti istruttori connessi allo svolgimento dell’analisi coordinata di cui all’articolo 50ter del Codice delle comunicazioni elettroniche”.

Il presidente dell’Agcom Angelo Marcello Cardani (foto ANSA/GIORGIO ONORATI)

La strada per lo scorporo, comunque, è ancora lunga, perché dopo la conclusione del procedimento dell’Agcom sarà necessario sottoporre lo schema di provvedimento all’Unione europea e aspettare la risposta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club