Fb e Twitter in audizione al Congresso: investimenti per rafforzarci. Serve lavorare insieme, impossibile affrontare il problema da soli

I capi della Silicon Valley a Washington davanti al Congresso per un’audizione sulle interferenze sulle elezioni presidenziali Usa del 2016. Presente Facebook con Sheryl Sandberg, capo esecutivo del social fondato da Zuckerberg,  e Twitter con il suo ceo e co-founder, Jack Dorsey. Assente invece Google.

“Stiamo lavorando tantissimo e non smetteremo di affrontare questi problemi”, ha detto Sandberg riconoscendo come Facebook sia stata però troppo lenta nel reagire alle interferenze durante le elezioni, in particolare da parte della Russia. “Servono nuovi passi da compiere per prevenire le interferenze esterne sulle elezioni americane, e noi stiamo prendendo la situazione molto seriamente”.

Sheryl Sandberg e Jack Dorsey (foto Ansa EPA/JIM LO SCALZO)

“Stiamo fermando la diffusione delle fake news”, ha aggiunto la numero due del social anche se “non è sempre facile individuare” chi vuole inquinare le piattaforme dei social media. Concetto ribadito anche da Dorsey. “Abbiamo raddoppiato l’identificazione degli account sospetti”, ha detto il ceo di Twitter che ha rilevato come Twitter non fosse preparato ad affrontare l’attacco di troll e fake news. “Non siamo orgogliosi del fatto che uno scambio libero sia stato usato come arma per dividere le persone e la nostra stessa nazione”.

La linea tra discorsi di odio e disinformazione è molto difficile da tracciare. “A volte la libertà di informazione permette di dire cose con le quali si è fortemente in disaccordo”, ha rilevato ancora Sandberg, ricordando l’uso di terze parti per il fact checking. “Non vogliamo essere il giudice di cosa sia falso o vero. Discorsi falsi possono essere contrastati da discorsi veri”

“Abbiamo davanti una sfida enorme e dobbiamo lavorare insieme, è impossibile farcela da soli. Questo il messaggio che i vertici di Facebook e Twitter hanno lanciato al Congresso. “I nostri nemici sono ben finanziati e noi stiamo investendo tantissimo per rafforzare i nostri sistemi”, ha detto Sandberg, dicendosi aperta a una più severa regolamentazione del settore purchè sia “giusta”.

“Dobbiamo aumentare la nostra trasparenza”, ha rimarcato Jack Dorsey – e rafforzare la collaborazione tra di noi. Non possiamo contrastare tutte le cose da soli”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Copyright, Agcom: per tutela efficace serve maggiore consapevolezza utenti e coinvolgimento intermediari

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Nel 2018 il 52% delle mail inviate nel mondo sono spam. La Cina il paese dal quale provengono più messaggi indesiderati

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio

Radio Radicale, Agcom al Governo: urgente prorogare la convenzione; assicurare continuità del servizio