Sky, accordo con Notorious Pictures per 22 film

Notorious Pictures, società attiva nella produzione, acquisizione e commercializzazione dei diritti di opere filmiche attraverso tutti i canali di distribuzione (cinema, home video, TV, new media), annuncia di aver firmato un nuovo accordo commerciale con Sky Italia per la concessione in esclusiva dei diritti e la distribuzione televisiva di 22 opere. Una parte di queste fanno parte della library e la restante della sezione Direct to Video (film che non transitano dalla distribuzione nelle sale cinematografiche, ma vengono prioritariamente sfruttati sul canale televisivo).  L’accordo, che prevede una durata pluriennale variabile per singola opera filmica, ha un valore totale pari a 1,6 milioni di euro.

Guglielmo Marchetti, Presidente e Amministratore Delegato di Notorious

Come si evince da una nota stampa, tra le opere comprese nel contratto rientrano “S.M.A.R.T. Chase” con Orlando Bloom e “Kung Fu Yoga” con Jackie Chan per i film destinati alla sola distribuzione sui canali televisivi, mentre tra i titoli della library compaiono “Autumn in New York” con Richard Gere e Winona Rider e “White Oleander” con Renée Zellweger e Michelle Pfeiffer.

Guglielmo Marchetti, Presidente e Amministratore Delegato della Società, ha dichiarato come i film a sfruttamento televisivo siano diventati per Notorius Pictures un’area sempre più stretegica. “L’accordo con Sky consacra ulteriormente la capacità della società di selezionare e offrire a player di primaria importanza prodotti di ottimo valore artistico e di grande interesse per l’audience televisiva.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nasce Radio Italia Trend: indie, rap, trap e nuove tendenze

Nasce Radio Italia Trend: indie, rap, trap e nuove tendenze

Domus apre le porte della redazione a neo diplomati e laureati

Domus apre le porte della redazione a neo diplomati e laureati

Bfc lancia Cosmo e punta sull’economia dello spazio

Bfc lancia Cosmo e punta sull’economia dello spazio